QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pallanuoto, 7a giornata turno preliminare di Champions League: An Brescia ko contro il Radnicki Kragujevac

giovedì, 26 marzo 2015

Belgrado – Una prestazione in crescendo non basta, all’An Brescia, per superare il Radnicki Kragujevac: in Serbia, nel settimo turno dei preliminari di Champions League, finisce 13 a 10 (2-0, 2-2, 4-4, 5-4, i parziali) a favore dei padroni di casa.

Nell’importante sfida, il sette di Sandro Bovo s’impegna a fondo nel continuo sforzo di stare in scia a un avversario che, tra le mura amiche, dà il meglio di sé e, alla fine, paga qualche sbavatura difensiva e una certa imprecisione in superiorità numerica (4 su 13), più due rigori piuttosto discutibili assegnati ai serbi in altrettanti momenti cruciali (in particolare, quello in apertura del terzo tempo, quando il secondo gol di capitan Presciutti aveva appena portato l’An sul meno 1). Il passo falso di stasera lascia doppiamente l’amaro in bocca, soprattutto considerando la contemporanea vittoria dell’Olympiacos sugli ungheresi dell’Eger, risultato che rende ancora incerta la lotta per l’ultimo posto valido per accedere alla Final Six di Barcellona. In ogni caso, pur sconfitta, la formazione bresciana ha dato prova di poter competere a livello continentale e questo dato deve servire per rinforzare la consapevolezza nei propri mezzi e per alimentare la voglia di crescita del gruppo.

«Non c’è che dire – dichiara il presidente dell’An, Andrea Malchiodi -, a questi livelli, ogni errore, anche il più piccolo, lo paghi caro: abbiamo commesso qualche sbaglio in copertura e siamo stati castigati, per altro, da un avversario davvero in forma. In più, in due momenti topici, c’hanno fischiato due rigori molto dubbi, e pure questo è stato determinante. Comunque sia, anche stasera abbiamo dimostrato di poter dire la nostra in un contesto come quello della Champions e senz’altro, fino alla fine, non risparmieremo energie per fare bene: siamo determinati ad alzare il nostro standard e anche l’esperienza di oggi sarà utilizzata per continuare a migliorare».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136