Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Olimpiadi, gli atleti altoatesini ricevuti alla cantina Laimburg

mercoledì, 28 febbraio 2018

Bolzano – Due medaglie di bronzo: una individuale e una nella staffetta di biathlon. E’ questo il bottino della spedizione altoatesina alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang 2018. Una folta delegazione dei 44 atleti rientrati nei giorni scorsi dalla Corea del Sud, assieme a tecnici e dirigenti, è stata ricevuta ieri sera (27 febbraio) alla cantina nella roccia di Laimburg dal presidente della Giunta provinciale, Arno Kompatscher, e dall’assessora allo sport, Martha Stocker. Tra i presenti i medagliati Dominik Windisch, sul podio sia nell’individuale che nella staffetta mista, e il compagno di squadra Lukas Hofer, nonchè tanti atleti che quella medaglia l’hanno sognata ma alla fine solo sfiorata: dallo slittinista Dominik Fischnaller agli sciatori Manuela Moelgg, Dominik Paris e Riccardo Tonetti. “Siamo orgogliosi – ha detto il presidente Kompatscher – che l’Alto Adige sia stato rappresentato ai Giochi olimpiciinvernali da ben 44 atleti. Al di là delle medaglie, tutti hanno fatto cose straordinarie per essere presenti a Pyeongchang, e moltissimi hanno ottenuto risultati di assoluto prestigio. Li abbiamo seguiti sempre, puntando anche la sveglia all’alba, e ora è il momento di dire loro grazie per le tante emozioni che ci hanno regalato” (Foto USP/Oskar Verant).

olimp“Il fatto che una piccola regione come l’Alto Adige riesca a mandare ben 44 atleti alle Olimpiadi è un risultato che premia non solo i singoli protagonisti - ha aggiunto Martha Stocker – ma anche l’enorme e lodevole lavoro di base svolto dalle tantissime associazioni sportive presenti sul territorio. Partecipare ai Giochi è il massimo per un’atleta, e anche solo il fatto di essere presenti rappresenta un riconoscimento per gli enormi sforzi compiuti”. Oltre ai reduci di Pyeongchang, l’occasione è stata propizia anche per fare l’in bocca al lupo alla delegazione altoatesina in partenza per le Paralimpiadi, in programma dal 9 al 18 marzo. A Laimburg era presente, in particolare, una rappresentanza della squadra di sledge hockey, con Kompatscher e Stocker che hanno augurato loro i migliori successi. “Saremo con voi – hanno detto – quando dovrete lottare per ottenere i risultati che sperate, e l’auspicio è che anche voi possiate tornare con una medaglia”.

A margine della cerimonia, inoltre, è stata presentata l’edizione 2017 dell’annuario dello sport altoatesino, volume di 178 pagine ricco di foto, notizie e approfondimenti, che ripercorre tutti i maggiori avvenimenti dell’anno da poco terminato. Il libro, pubblicato dall’Ufficio sport della Provincia, è coordinato dal punto di vista redazionale da Sport Media Südtirol. Per questa edizione, in copertina il bi-vincitore della Coppa del mondo di discesa libera, Peter Fill, anch’egli presente ieri sera alla Laimburg. L’annuario dello sport altoatesino può essere richiesto presso l’Ufficio sport di via Canonico Gamper 1, a Bolzano, oppure visualizzato online sulle pagine web della Provincia dedicato a sport e tempo libero.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136