Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Mondiali: oro di Paris ad Are e argento per Fischnaller a Park City

mercoledì, 6 febbraio 2019

Are – Al Mondiale di Are, in Svezia, medaglia d’oro dell’altoatesino Paris, mentre negli Stati Uniti è argento per Fischnaller.

SUPER G MASCHILE - Partito con il pettorale numero 3, l’azzurro fa il tempo di 1:24.20 e vince il titolo iridato in superG precedendo il francese Johan Clarey e l’austriaco Vincent Kriechmayr. Per Paris si tratta del primo titolo mondiale in carriera dopo l’argento conquistato in discesa nel 2013 a Schladming. Innerhofer è quarto a 0.35. Alle sue spalle il francese Theaux. Buona prestazione per Mattia Casse, ottavo al traguardo (0.50).

I COMPLIMENTI – Oro di Paris in SuperG, argento di Fischnaller nello snowboard. Le congratulazioni di Kompatscher: “Giornata storica per il nostro sport”. Enormi soddisfazioni dagli atleti altoatesini. Oggi Dominik Paris ha vinto la medaglia d’oro nel SuperG ai Mondiali di sci alpino di Are, in Svezia, mentre ieri sera a Park City, negli Stati Uniti, Roland Fischnaller ha conquistato l’argento nei Mondiali di snowboard nello slalom parallelo di snowboard. “A nome di tutti gli altoatesini – commenta il presidente e assessore allo sport, Arno Kompatscher – voglio ringraziare Paris e Fischnaller per le grandi emozioni che ci hanno regalato. Si tratta di una giornata storica per il nostro sport, che si conferma ai massimi livelli mondiali. Questi risultati si possono raggiungere non solo con il talento, ma anche con il grande spirito di sacrificio che contraddistingue i nostri atleti. Tutto ciò senza dimenticare l’enorme impegno di tecnici e dirigenti che “alimentano” il nostro sport di base, vero e proprio bacino nel quale costruire le medaglie del futuro”.

Per quanto riguarda l’oro di Paris in SuperG, Kompatscher parla di “stagione straordinaria in virtù anche dei successi ottenuti in discesa sulle piste più difficili della Coppa del Mondo come Kitzbühel e Bormio. Risultati – prosegue il Landeshauptmann – che consacrano Paris nell’olimpo dei più grandi di sempre nelle discipline veloci”. Sull’argento di Fischnaller nel parallelo di snowboard, il presidente altoatesino ricorda che “la sua medaglia ha tanto più valore in quanto raggiunta a 38 anni di età. Un’impresa eccezionale, se si pensa che il russo che l’ha battuto in finale aveva la metà dei suoi anni”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136