QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Giro d’Italia, 19a giornata: impresa di Aru sotto il Cervino, Contador resta in maglia rosa

venerdì, 29 maggio 2015

Cervinia – Il corridore italiano Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM) ha vinto in solitaria la diciannovesima tappa del Giro d’Italia, tappa in linea da Gravellona Toce a Cervinia (236km). Alberto Contador (TINKOFF SAXO) conserva la Maglia Rosa di leader della classifica generale. aru

Ordine d’arrivo
1 – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM) in 6h24’13”, media 36,854 km/h
2 – Ryder Hesjedal (TEAM CANNONDALE – GARMIN) a 28″
3 – Rigoberto Urán (ETIXX – QUICK STEP) a 1’10″

MAGLIE
MAGLIA ROSA – BALOCCO – Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
MAGLIA ROSSA – ALGIDA – Giacomo Nizzolo (TREK FACTORY RACING)
MAGLIA AZZURRA – BANCA MEDIOLANUM – Giovanni Visconti (MOVISTAR TEAM)
MAGLIA BIANCA – EUROSPIN – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM)

CLASSIFICA GENERALE (PRIMI CINQUE)
1 – Alberto Contador (TINKOFF SAXO)
2 – Fabio Aru (ASTANA PRO TEAM) a 4’37”
3 – Mikel Landa (ASTANA PRO TEAM) a 5’15”
4 – Andrey Amador (MOVISTAR TEAM) a 8’10”
5 – Leopold Konig (TEAM SKY) a 10’47”

Il vincitore di tappa, Fabio Aru, ha detto:
Conoscevo i 100km finali a memoria dal Giro della Val d’Aosta, una delle mie gare Under 23 preferite. Mi sento molto legato a questa regione. Non sapevo cosa pensare negli ultimi metri. Per 20 giorni la squadra mi è sempre stata vicina, anche nei momenti difficili, e oggi i miei compagni di squadra hanno fatto la gara. La squadra è stata fantastica dall’inizio alla fine, ognuno di loro.

La Maglia Rosa, Alberto Contador, ha detto:
La squadra stava bene oggi e ho tenuto d’occhio il mio rivale più vicino in classifica, Mikel Landa. Devi prendere una decisione tattica: Landa e Aru avrebbero continuato a turno ad attaccare lungo tutta la salita finale. Ovviamente mi piacerebbe vincere una tappa ma è difficile. L’ultimo gruppo è sempre ristretto e non ho compagni di squadra con me perché lavorano duramente nelle prime fasi della tappa. Il loro lavoro ha permesso che il risultato di oggi sia risultato perfetto. Se chiedeste a chiunque cosa preferirebbe tra una vittoria di tappa o la Maglia Rosa, tutti direbbero la Maglia Rosa. Sono molto, molto felice perché ho solo un altro giorno molto duro davanti. La salita finale è stata molto impegnativa e Aru andava davvero forte. Per lui è una grande vittoria di tappa. Ora è 2° nella classifica generale e gli auguro un grande futuro. Domani la tappa è davvero bella, con una salita molto dura, forse più difficile di quelle odierne. Il mio compito sarà quello di resistere agli attacchi, potrebbe anche essere un giorno in cui attaccherò io, non si sa mai.

LA TAPPA DI DOMANI
Tappa n. 20 – SAINT-VINCENT – SESTRIERE (Via Lattea) – 199km
Percorso
Tappa di alta montagna e ultimo arrivo in salita del Giro d’Italia 2015. I primi 150km servono a preparare, attraverso tutta l’alta val Padana, la scalata del Colle delle Finestre. Si attraversa il Canavese via Ivrea e Rivarolo Canavese fino a entrare in Val di Susa dopo Venaria Reale. Il Colle delle Finestre presenta pendenza praticamente costante al 9,2% dall’inizio alla fine (breve strappo a Meana di Susa max 14%) e per i primi 9km è asfaltato, mentre i successivi 9km sono sterrati fino in vetta. Durante la prima parte della salita si incontrano 29 tornanti in meno di 4 km (fino alla vetta sono 45 tornanti). La discesa è tecnica, ristretta ed esposta nella prima parte fino a Pian dell’Alpe. Una volta rientrati nella SS23 la salita riprende con pendenze accessibili fino all’arrivo.

Ultimi km
Ultimi chilometri tutti sulla SS23 con carreggiata ampia e ben pavimentata. Da segnalare una piccola rotatoria ai 500m dall’arrivo. Rettilineo d’arrivo di 400m su asfalto largo 6,5m.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136