QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad

Ciclocross: trionfo di Fontana e Lechner a Vedelago, il valtellinese Bertolini resta in rosa

domenica, 15 dicembre 2013

Vedelago -  Il Giro d’Italia Ciclocross si conferma ancora una volta e la tappa di Vedelago va a consacrare definitivamente il successo organizzativo dell’evento coordinato dall’ASD Romano Scotti.  Il percorso è di quelli tosti, selettivi, tecnici, dove non ti puoi nascondere e fare l’andatura davanti a volte è più conveniente che restare a ruota. Nella  gara maschile trionfo in solitario di Marco Aurelio Fontana, in quella femminle Eva Lechner.

LA GARA MASCHILE 

Che si trattava di una gara diversa lo si respirava sin dalla partenza quando in griglia c’era quella maglia in più, troppo assente nella prima parte di stagione. Ma non c’è solo Fontana, c’è anche il reMarco Aurelio Fontanagolarissimo Enrico Franzoi, che in questo 2013 sta facendo vedere solo tanta concretezza, risultati ed eccellenti prestazioni. E poi ci sono loro, i “giovani rampanti” con in testa il valtellinese Gioele Bertolini, che si prende il lusso di vestire la maglia rosa al primo anno da Under, i fratelli Samparisi, anche loro a proprio agio quando si tratta di vestire maglie, Bryan Falaschi, tricolore under lo scorso anno e rosa a pari merito con Bertolini. Lo starter dà il via e Franzoi fa subito sul serio. Ritmo impressionante, stacca tutti e passa in testa al primo giro con 13” di vantaggio sulla coppia Fontana-Tabacchi. Dietro tutti in fila a pochi metri l’uno dall’altro con la maglia rosa di Bertolini in leggera difficoltà in settima posizione. Fontana capisce subito che deve agire se vuole recuperare e lascia la compagnia di Tabacchi lanciandosi tutto solo all’inseguimento di Franzoi. Secondo passaggio, il vantaggio si riduce a soli 7” e l’alfiere della Selle Italia Guerciotti comincia a sentire il “fiato sul collo”. Rischia, cade rovinosamente. Prova a rialzarsi come sempre i gladiatori del ciclocross sono abituati a fare ma le escoriazioni e il dolore forse è troppo forte per continuare. Primo colpo di scena, Enrico Franzoi decide di concludere la tappa di Vedelago dopo 15 minuti di gara, forse per non compromettere il proseguo della stagione che è ancora molto lungo.Anche Fontana tira il fiato e aspetta Tabacchi, nuova coppia a comando che ci ricorda qualche recente avvenimento accaduto lo scorso luglio, anche se quella giornata di estivo ne aveva ben poco. L’azione in tandem prosegue e il vantaggio cresce fino a 40” sugli immediati inseguitori, Braidot, Falaschi, Samparisi e la maglia rosa Bertolini, in recupero dopo un avvio un pà incerto. Ma Fontana è irresistibile, è il più lucido, lo si nota da come pedala sul pesante terreno trevigiano, su come affronta in bici gli ostacoli artificiali. Solo lui riesce a saltarli senza scendere dalla bici e questo gli permette di guadagnare subito. Al quarto passaggio guida solitario seppur con un esiguo vantaggio, 6” su Tabacchi, a 47″ Gioele Bertolini con Daniele Braidot e Thomas Paccagnella, Bryan Falaschi a 56″ e a 1’05″ la maglia bianca Nicolas Samparisi. Capisce che è il momento giusto per aumentare e continua a rilanciare scatenato la sua azione in ogni curva.Il bravissimo Mirko Tabacchi riesce comunque a contenere il distacco e al passaggio della campana a ancora soli, si fa per dire, 18” di svantaggio. Dietro di loro una incertissima lotta per il podio con Bertolini, Paccagnella, Braidot e Falaschi. L’ultimo giro è una passerella trionfale per Marco Aurelio Fontana, il tiepido sole di Vedelago sembra illuminare il tricolore che rientra alle gare e lo fa alla sua maniera, con un autentico show. A 21”, applausi per Mirko Tabacchi, un secondo posto che vale quanto una vittoria e una condizione in crescendo che lo porterà ad essere sicuro protagonista in questo finale di stagione. Il podio è completato da Thomas Paccagnella che riesce a precedere di qualche metro la bellissima conferma rosa di Gioele Bertolini, che con il piazzamento di oggi riesce a conservare la maglia.

CLASSIFICA UOMINI OPEN: 1. Marco Aurelio Fontana (Cannondale Factory Racing); 2. Mirko Tabacchi (Forestale) a 21”; 3. Thomas Paccagnella (Sportivi Del Ponte) a 57”; 4. Gioele Bertolini (Selle Italia Guerciotti Elite) a 1’04”; 5. Daniele Braidot (Forestale) a 1’10”; 6. Bryan Falaschi (Selle Italia Guerciotti Elite) a 1’16”; 7. Nicolas Samparisi (Cx Merida Dama Drc) a 1’43”; 8. Fabio Ursi (Cx Merida Dama Drc) a 1’59”; 9. Tommaso Caneva (Lissone Mtb) a 2’19”; 10. Cristian Cominelli (Avion Axevo) a 2’23”.

GARA FEMMINILE

Sempre in giornata è andata di scena a la gara comprendente gli Juniores e le Donne Open valida per la sesta tappa del Giro d’Italia Ciclocross, kermesse rosa coordinata dall’Asd Romano Scotti. La tappa è organizzata dall’Asd Postumia 73 Dino Liviero e si corre su un percorso di circa 3 chilometri ricavato nel parco della splendida Villa Emo. Tra le donne Open la tricolore Elite Eva Lechner (nella foto) ha offerto un’autentica prova di forza: la campionessa italiana ha infatti duellato a lungo contro una generosissima Elena Valentini, che non ha mai mollato e che per buona parte di gara è stata davanti proprio insieme alla sa avversaria. La Lechner ha imposto il proprio ritmo soprattutto nel finale, guadagnando metri dopo metri e conquistando così un importante il successo, il secondo in questa edizione della corsa rosa dopo quello di Silvelle. La maglia rosa passa tra le mani di Elena Valentini, in virtù della sua ottima prova e del fatto che per la Arzuffi non è stata una buona giornata, in quanto non è arrivata tra i primi cinque.
Tra gli Juniores il successo è andato a Manuel Todaro, il quale ha interpretato la gara in maniera ottima; nella prima parte di gara nessuno è riuscito a fare il vuoto, mentre nelle fasi finali Manuel Todaro e Federico Mandelli hanno inscenato un duello bellissimo, al termine dEva Lechner.Albstadt (1)el quale Todaro è riuscito ad imporsi per distacco. Terzo posto per Giorgio Rossi, solo quarto il leader della generale Moreno Pellizzon, che conserva la maglia rosa.

Tra le donne Juniores torna al successo Chiara Teocchi dopo una tappa di digiuno: la dominatrice della categoria ha superato la campionessa d’Italia Rebecca Gariboldi ed Elena Torcianti. La Teocchi è sempre più in rosa.

CLASSIFICA

DONNE OPEN: 1. Eva Lechner (Colnago – Esercito); 2. Elena Valentini (Selle Italia Guerciotti Elite); 3. Nicoletta Bresciani (Scott Racing); 4. Francesca Cauz (Fassa Bortolo – Servetto); 5. Alessia Bulleri (Forestale)

JUNIORES M: 1. Manuel Todaro (Selle Italia Guerciotti Elite); 2. Federico Mandelli (Increa Brugherio); 3. Giorgio Rossi (Tx Active Bianchi); 4. Moreno Pellizzon (Cadrezzate – Verso l’Iride); 5. Giulio Franzolin (Service Brenta)

JUNIORES F: 1. Chiara Teocchi (Tx Active Bianchi); 2. Rebecca Gariboldi (Lissone Mtb); 3. Elena Torcianti (Superbike Team); 4. Chiara Galimberti (Cadrezzate – Verso l’Iride); 5. Anna Faolo (Sportivi del Ponte)


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136