QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cev Cup 2015: Trentino Volley batte i polacchi dello Zaksa e conquista la finale contro la Dinamo Mosca

sabato, 28 marzo 2015

Trento –   Trentino Volley conquista la finale. A distanza di quattro anni dall’ultima volta, la Trentino Volley ritrova l’accesso ad una finale di Coppa Europea. Dopo le tre consecutivamente disputate (e vinte) in CEV Champions League fra il 2009 e 2011 il Club di via Trener potrà infatti disputare l’ultimo doppio atto della 2015 CEV Cup andando alla ricerca nella seconda settimana di aprile di un nuovo trofeo che possa arricchire la sua già prestigiosissima bacheca internazionale, popolata anche da quattro titoli iridati.

L’Energy T.I. Diatec Trentino ha staccato il pass per le due sfide contro la Dinamo Moscavolley trentino del 7 (in casa) e 11 aprile (in Russia) grazie al secondo successo nel giro di quattro giorni sui polacchi dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle. L’affermazione casalinga che ha completato l’opera, già ben avviata martedì sera in Polonia, è stata in questo caso leggermente più marcata; merito di una prestazione maggiormente continua in attacco e priva di grosse sbavature, che ha messo in luce la verve di Kaziyski al servizio (8 ace personali a fronte di un solo errore, 18 punti complessivi e la meritatissima palma di mvp), l’ottimo momento di Solé (6 muri e l’89% in attacco) e la costante crescita di condizione di Birarelli (4 muri ed il 60% in primo tempo).

I polacchi hanno dimostrato la loro combattività riaprendo il match nel secondo parziale e lottando sino all’ultimo nel terzo, prima di lasciare il proscenio definitivamente nel quarto parziale. La coppia olandese Van Dijk (altri 17 punti per l’ex di turno) e Abdel-Aziz ha provato a tenere a galla gli ospiti ma a gioco lungo si è arresa, poco aiutata dal resto della squadra.

Trento così festeggia il raggiungimento della seconda finale della propria stagione: dopo quella giocata in Coppa Italia a Bologna lo scorso 11 gennaio, ci sarà quindi spazio per un altro paio di partite che assegneranno un trofeo importante e prestigioso come la 2015 CEV Cup.

La cronaca della gara

Radostin Stoytchev conferma lo starting six già proposto in avvio di gara all’Azoty Arena martedì sera: Zygadlo in regia, Nemec opposto, Kaziyski e Lanza in posto 4, Birarelli e Solé centrali, Colaci libero; Sebastian Swiderski, allenatore dello Zaksa, lo imita e risponde nuovamente con Zagumny al palleggio, Van Dijk opposto, Kooy e Ruciak schiacciatori, Rejno e Gladyr centrali, Zatorski libero.

L’avvio dei gialloblù è bruciante: dopo pochi secondi è già 5-2 grazie anche a due errori ospiti propiziati dall’intensità difensiva dei padroni di casa. Swiderski ricorre subito ad un time out discrezionale ma la musica non cambia perché Nemec è ispirato in attacco e offre un ulteriore allungo (10-6). L’opposto slovacco trova anche un ace che vale il +5 sul 15-10, subito imitato e superato da Kaziyski che ne mette in fila addirittura tre al rientro dalla seconda pausa tecnica per 19-11. Il finale di set è in assoluta scioltezza grazie ad una fase di cambiopalla senza particolari problemi (20-14, 22-16) che Zygadlo gestisce al meglio verso il 25-17 (muro di Birarelli sul neoentrato Witczak).

Il secondo parziale inizia in maniera troppo fallosa per l’ENERGY T.I. Diatec Trentino, che con due errori in attacco diretti lancia subito i polacchi in fuga sull’1-4 ma la situazione di punteggio viene immediatamente raddrizzata grazie a Solé e agli ace di Kaziyski, che prima pareggia i conti sul 7-7 e poi offre l’accelerazione dei suoi (10-7, time out Swiderski). Lo Zaksa si disunisce torna a sbagliare a rete anche con il brasiliano Loh (in campo per Ruciak) e subisce un altro break (14-10); il calo di tensione è però sempre in agguato e con Gladyr al servizio il Kedzierzyn-Kozle si riporta a meno due (16-14) costringendo Stoytchev ad interrompere il gioco prima di pareggiare i conti coi servizi vincenti del neoentrato Abdel-Aziz (due consecutivi per il 17-17). Un muro di Solé su Rejno riappropria Trento del vantaggio (20-19) che però dura poco perché con Kooy al servizio (altro ace) i polacchi tornano avanti (22-24) e chiudono sul 23-25 alla seconda palla set (attacco dell’ex Van Dijk).

Le battute punto (2) di Lanza e i break point fra muro e attacco di Kaziyski scuotono la Trentino Volley in apertura di terza frazione (4-1, poi trasformato in 8-4). Lo Zaksa non si arrende e con Abdel-Aziz confermato in cabina di regia risale la china sino al 9-9 grazie ad un ace dell’alzatore olandese e agli attacchi di Loh. La lotta riprende quindi punto a punto (12-12, 14-14), poi ci pensa Van Dijk ad accelerare per il Kedzierzyn-Kozle (14-16), ma Solé non ci sta e col muro segna un controbreak (19-17). Lo spunto finale per l’assegnazione del terzo set lo segnano un errore di Van Dijk (22-19) e un servizio in rete di Ruciak (25-22).

Il duello riprende nel quarto set con Van Dijk che torna protagonista spingendo i polacchi al nuovo vantaggio (6-9) dopo una iniziale parità sino al 6-6. Stoytchev inserisce Giannelli in cabina di regia e la squadra trova nuovo impulso dall’innesto pareggiando i conti già a quota 12. Birarelli alza la barriera (14-12) costringendo Swiderski a richiamare in causa Zagumny ma Nemec con la battuta spinge Trento al +3 (16-13). Nel finale si scatena Lanza (19-14) e Kaziyski lo segue con la battuta (22-14). Il 3-1 e il pass per la finale arriva sul 25-18 con errore di Kooy al servizio.

“Sono molto soddisfatto stasera: risultato, gioco, reazione e qualificazione alla finale era quello che volevamo e siamo riusciti ad ottenerli in una bella serata di pallavolo – ha commentato al termine della gara Radostin Stoytchev – . Ci siamo meritati il pass giocando con tutto quello che avevamo sia la gara d’andata sia quella di ritorno, dimostrando di essere superiori ad uno Zaksa comunque molto forte. I ragazzi sono stati bravissimi a vincere tutte le tre difficili partite di questa settimana, partendo con quella di Modena e chiudendo con quella odierna. Ce ne attenderanno di ancora più complesse ma la direzione intrapresa è quella giusta”.

Chiuso positivamente il mese di marzo, l’ENERGY T.I. Diatec Trentino già mercoledì 1 aprile tornerà in campo al PalaTrento alle ore 20.30 per affrontare il Vero Volley Monza nell’ultimo impegno casalingo della regular season di SuperLega UnipolSai 2014/15. Originariamente programmato per domenica 29 marzo, il match è stato posticipato di tre giorni proprio per permettere ai gialloblù di disputare la partita odierna.

Il tabellino 

ENERGY T.I. Diatec Trentino-Zaksa Kedzierzyn-Kozle 3-1
(25-17, 23-25, 25-22, 25-18)
ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Zygadlo, Lanza 10, Solé 15, Nemec 17, Kaziyski 18, Birarelli 10, Colaci (L); Fedrizzi, Giannelli, Nelli. N.e. Mazzone e Burgsthaler. All. Radostin Stoytchev.
ZAKSA: Ruciak 2, Gladyr 8, Van Dijk 17, Kooy 14, Rejno 6, Zagumny 1, Zatorski (L); Abdel-Aziz 8, Witczak 1, Loh 7, Kazmierczak. N.e. Zaplacki. All. Sebastian Swiderski.
ARBITRI: Geukes di Stoccarda (Germania) e Mylonakis di Atene (Grecia).
DURATA SET: 24’, 29’, 29’, 28’; tot. 1h e 50’.
NOTE: 2.310 spettatori. ENERGY T.I. Diatec Trentino: 11 muri, 13 ace, 10 errori in battuta, 6 errori azione, 52% in attacco, 57% (28%) in ricezione. Zaksa Kedzierzyn-Kozle: 5 muri, 7 ace, 16 errori in battuta, 10 errori azione, 46% in attacco, 46% (28%) in ricezione. Mvp Kaziyski.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136