QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Canottaggio: tre podi per il sebino Paolo Ghidini alla selezione nazionale e meeting di Piediluco

martedì, 5 maggio 2015

Piediluco – In gran spolvero Paolo Ghidini della Canottieri Sebino alla selezione nazionale TRio 2016, e Meeting Nazionale di Piediluco. La Canottieri Sebino è stata impegnata su entrambe i campi di regata.

Nella competizione di alta specializzazione, in cui gli atleti del Gruppo Olimpico e quelli di Interesse NazionalGhidini sebinoe si sono affrontati gareggiando in tre specialità distinte, l’attenzione è stata su Paolo Ghidini (già avvezzo alla maglia azzurra con la quale nel biennio 2013/2014 ha indossato ben tre medaglie mondiali) che ha affrontato 7 gare raggiungendo tre volte il podio: la prima vale l’argento in quattro di coppia nella categoria senior A, le altre due il bronzo, ottenuto con il due di coppia, sia nella categoria Pesi Leggeri che nella categoria Senior. (Nella foto la premiazione a Piediluco con in primo piano paolo Ghidini).

Al Meeting si sono messi alla prova il doppio ragazzi Luigi Cortinovis- Lorenzo Fenaroli, il singolo ragazzi Simone Fusaro e il singolo senior Aristide Bonomelli.
Tutti gli equipaggi hanno passato le qualificazioni, rispettivamente al terzo, quinto e terzo posto.

La sfida è stata vissuta con trepidazione per i giovani atleti appena affacciati alla categoria ragazzi, presenti per la prima volta da “grandi” sul campo di Piediluco che avevano frequentato in precedenza solo in occasione del Festival dei giovani. Visto dal lato dei novizi il risultato del quarto posto in finale B, ottenuto con una bella gara, ha un effetto decisamente stimolante.

Particolarmente avventuroso il percorso di Simone, che oltre a gestire una prima prova di qualificazione particolarmente impegnativa per l’elevato numero di iscritti, ha affrontato indomito il ribaltamento della propria imbarcazione durante la fase di allenamento, per buttarsi comunque con sangue freddo nella gara di semifinale, chiusa lucidamente al sesto posto. Buon sangue non mente a quanto pare, per un ‘figlio e nipote d’arte’ del canottaggio loverese (papà maglia azzurra e allenatore della Sebino nei primi anni ‘90 , e zia olimpionica incastonata come una pietra preziosa nella Storia del sodalizio bergamasco).

Anche nel settore Senior si è ottenuta la conferma di un posizionamento di rispetto che porta Bonomelli alla semifinale piazzandolo al terzo posto nella finale B.
Tutto il team torna da questa importante trasferta con un bagaglio di esperienza e di entusiasmo che arricchisce la nostra squadra biancoazzurra.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136