QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Basket, terza sconfitta in Serie A per Trento: a Desio vince Cantù 88-80

domenica, 22 ottobre 2017

Desio – La Dolomiti Energia esce sconfitta dal PalaDesio, confermandosi ancora troppe volte vittima dei propri alti e bassi: finisce 88-80 per Cantù un match che i padroni di casa hanno saputo indirizzare subito sui propri binari, con i bianconeri costretti per buona parte del match ad inseguire, “tatticamente” ancor prima che nel punteggio. basket aquilaI trentini perdono 17 palloni (trasformati in 10 recuperi dai brianzoli), condedono 46 punti in area a Cantù e non trovano mai il modo di dare continuità ai propri momenti di brillantezza in attacco e in difesa. 15 punti per Gomes, 14 e 12 rimbalzi per Sutton.

Reduce dalla sconfitta di 31 lunghezze nel derby contro Varese, la Red October (sostenuta dalle tribune del PalaDesio anche dai suoi “Eagles”) comincia il match con le marce alte in attacco: sono 8 punti quasi consecutivi di Christian Burns a creare il primo solco il favore dei padroni di casa (10-7), un parziale contenuto dalle giocate “totali” di Shields (4 punti, 4 rimbalzi e 3 assist nei primi 10’) e dai canestri di un ottimo Gomes. L’ala portoghese si sblocca dall’arco e poi trova punti dalla lunetta e in penetrazione, permettendo ai bianconeri di chiudere il primo quarto avanti nel punteggio (20-22). Nel secondo parziale Flaccadori e Silins trovano subito punti dall’arco dei 6.75, ma l’attacco di Cantù cresce di efficacia e di precisione con il passare dei minuti: il 5/8 nel secondo quarto dei brianzoli da tre punti è la statistica che, assieme alla crescita di impatto di Crosariol e Thomas sotto canestro, spiega il contro-sorpasso della Red October, che arriva in vantaggio di misura all’intervallo lungo (45-44).

I padroni di casa proseguono nel trend di crescita offensiva intravisto già nel primo tempo: a tutto il resto pensa Jeremy Chappell, che con 12 a bersaglio nel solo terzo quarto (24 alla fine) trascina i suoi anche al +9. La Dolomiti Energia fatica a pareggiare i ritmi alti imposti da Culpepper e Cournooh: palle perse e rimbalzi concessi a Burns e compagni sono gli ingredienti che permettono ai lombardi di restare sempre in controllo. Non basta la fiammata di Baldi Rossi ad inizio parziale, non basta quella di un Gutiérrez in crescita. Neppure il filotto prodotto Flaccadori che vale il -2 inverte l’inerzia del match: Burns chiude il quarto con il canestro del 67-63 e apre gli ultimi 10’ con un altro facile layup. I bianconeri cedono sotto i colpi di Cournooh e del “solito” Chappell, il PalaDesio spinge i ragazzi di coach Marco Sodini alla vittoria.

MAURIZIO BUSCAGLIA (Allenatore DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Cantù ha giocato con grande intensità, energia e voglia: lo ha fatto per tutta la partita, e ha meritato di vincere. Noi abbiamo concesso troppo: abbiamo permesso alla Red October di esaltarsi in contropiede, 26 punti subiti in transizione veloce sono troppi per noi in serate come questa. Abbiamo corso a strappi, senza avere continuità e finendo per lasciare troppo campo e troppo entusiasmo a Cantù: abbiamo perso troppi palloni in contropiede, oltre a non aver mai messo in difesa e in attacco la necessaria consistenza all’interno dei 40’. I 24 assist di Cantù sono un dato che significa che loro si sono passati molto bene la palla, ma allo stesso tempo anche che noi abbiamo permesso loro di farlo”.

Red October Cantù 88 Dolomiti Energia Trentino 80 (20-22, 45-44; 67-63)

Red October Cantù: Smith 10 (2/4, 2/5), Culpepper 2 (1/5, 0/3), Cournooh 10 (0/3, 2/3), Parrillo 3 (1/1 da tre), Tassone ne, Crosariol 12 (6/8), Maspero, Raucci, Chappell 24 (7/11, 2/3), Burns 20 (7/11, 2/6), Thomas 7 (1/5, 1/3). Coach Sodini.

Dolomiti Energia Trentino: Franke ne, Sutton 14 (5/10, 1/3, Silins 3 (1/4 da tre), Baldi Rossi 11 (2/2, 1/2), Forray 2 (1/3), Conti ne, Flaccadori 12 (2/3, 2/4), Gutiérrez 10 /3/7, 0/3), Gomes 15 (3/5, 2/6), Behanan 9 (3/5, 1/1), Lechthaler ne, Shields 4 (2/5, 0/1). Coach Buscaglia.

Arbitri: Tolga Sahin, Dario Morelli, Matteo Boninsegna

Note: Tiri da due: Cantù 24/47, Trentino 21/40. Tiri da tre: Cantù 10/24, Trentino 8/24. Tiri liberi: Cantù 10/16, Trentino 14/22. Rimbalzi: Cantù 32 (Burns 9), Trentino 47 (Sutton 12). Assist: Cantù 24 (Smith 8), Trentino 14 (Shields 4). Recuperi: Cantù 10 (Chappell 7), Trentino 6 (Flaccadori e Gutiérrez 2).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136