QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Basket, Serie A1: la presentazione di Granarolo Bologna-Dolomiti Trento. Diretta tv su TNN

sabato, 10 gennaio 2015

Trento – La Dolomiti Energia Trentino chiude il suo girone d’andata su uno dei parquet in cui è stata scritta la storia recente della pallacanestro italiana, la Unipol Arena di Casalecchio di Reno, casa della gloriosa Virtus Bologna, quest’anno brandizzata Granarolo.MitchelAquila Trento

L’APPUNTAMENTO La palla a due dell’incontro è in programma alle 18.15 di domenica. Arbitreranno la sfida Lorenzo Baldini, Luca Weidmann e Dario Morelli. Il match verrà trasmesso in telecronaca diretta per il Trentino Alto Adige su TNN, canale 604 del digitale terrestre. Differite della gara andranno in onda alle 23 (TNN, canale 604) e alle 24.30 (Trentino Tv, canale 12).

IN TRIBUNA Sugli spalti della Unipol Arena (capienza ufficiale 9.200 spettatori) è atteso il pubblico delle grandi occasioni. Notevole sarà però la presenza di tifosi trentini: Trust Aquila e tifoseria organizzata bianconera hanno esaurito diversi pullman predisposti per la trasferta. Ci saranno quindi almeno duecento supporter aquilotti al seguito della squadra.

LA CLASSIFICA La Dolomiti Energia si presenta all’appuntamento con 18 punti in classifica, frutto di 9 vittorie e 5 sconfitte che hanno già regalato ai bianconeri la matematica qualificazione alle Final Eight di Coppa in programma dal 20 al 22 febbraio a Desio. Trento inoltre è già certa di poter chiudere il girone d’andata per lo meno in sesta posizione, con realistiche possibilità di attacco alla quinta posizione in caso di vittoria a Bologna e contemporaneo successo di Reggio Emilia a Brindisi, e più immaginifiche chance di conquista di un posto tra le top four della andata qualora pure Sassari dovesse cadere in casa con Cremona. La Granarolo Bologna, a differenza dei trentini, è invece già matematicamente esclusa dalle Final Eight di Desio. Ciononostante i dieci punti in classifica di Ray e compagni raccontano di una squadra capace di disputare un girone di andata di buon livello, anche perché frutto di sei successi (la Granarolo ha iniziato la stagione con due punti di penalizzazione).

SNODO CHIAVE L’allenatore di Bologna Giorgio Valli ha più volte in settimana definito questo incontro uno snodo chiave della stagione della Virtus. I due punti domenica permetterebbero alla Granarolo di non perdere di vista il gruppo delle formazioni a immediato ridosso degli otto spot che a fine stagione varranno un ticket d’accesso ai play-off. E sarebbero nel contempo utili ai bolognesi per confermare la loro estrema pericolosità tra le mura amiche, dove la Granarolo finora è 4-3, con ko rimediati solo a spese di team di ottima classifica come Venezia, Cremona e Milano.

INFERMERIA Anche alla luce dell’importanza del match, in settimana la Granarolo ha fatto il possibile per recuperare Simone Fontecchio dal problema alla caviglia che lo ha tenuto fuori anche domenica a Roma. L’ala pescarese però non dovrebbe farcela a recuperare, a differenza di Allan Ray la cui spalla sta meglio e dovrebbe permettergli di scendere in campo. Ottimismo c’è anche per le condizioni di Matteo Imbrò, la cui caviglia infortunatasi giovedì in amichevole contro Ferrara non dovrebbe pregiudicare il suo impiego nelle rotazioni di coach Valli. In casa Dolomiti Energia roster al completo da giovedì con tutti gli elementi ad allenarsi col gruppo, compresi Keaton Grant e Josh Owens. Unico problema una brutta influenza che ha colpito coach Maurizio Buscaglia, che comunque siederà sulla panca bianconera domenica.

LE CIFRE Acciacchi o no, la Granarolo Bologna resta team estremamente pericoloso nel tiro da tre punti (è quarta della Lega dall’arco con il 35.4%), capace di eccellenti performance difensive e grande gestione del ritmo della partita soprattutto nei match interni (dove subisce solo 75.9 punti di media). Trento per contro resta squadra dall’attacco estremamente prolifico (82.3 a gara, ma solo 76.9 in trasferta) e di grande intensità a rimbalzo (seconda della Lega con 40.1 carambole).

PERICOLO PUBBLICO A livello individuale in casa Granarolo gli uomini da guardare saranno certamente la guardia Allan Ray (17.2 a sera, quinto della Lega nella graduatoria guidata da Mitchell con 22.5 punti di media), l’altro esterno Jeremy Hazell (12.4 di media, ma ben 29 domenica nella sconfitta rimediata a Roma) e l’ala Okaro White (12.4 punti e 6.4 rimbalzi). Interessante inoltre, anche in chiave azzurra, il confronto vicino a canestro tra il ferrarese Valerio Mazzola e gli aquilotti Davide Pascolo e Filippo Baldi Rossi.

L’EX Oltre alla sfida con Mazzola, a motivare Baldi Rossi ci saranno soprattutto i suoi trascorsi a livello giovanile con la maglia della Virtus Bologna, che è il club che di fatto lo ha scoperto e in cui Filippo ha mosso i primi passi da giocatore professionista, con tanto di apparizioni in serie A.

IL PRECEDENTE Granarolo Bologna e Dolomiti Energia si sono affrontate in pre-season a Trento in occasione del torneo dedicato alla memoria di Gianni Brusinelli. A vincere in quella occasione fu la squadra di Maurizio Buscaglia che si aggiudicò la sfida dopo un supplementare con il punteggio di 78-76.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136