QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Basket, semifinali Eurocup: impresa di Trento, vittoria a Strasburgo per 68-74

martedì, 29 marzo 2016

Strasbourg – Lì dove non sono riusciti lo scorso autunno squadroni come Real Madrid, Fenerbahce o Stella Rossa, riesce una clamorosa Dolomiti Energia Trentino, passando per 68-72 alla Rheinus Sport contro lo Strasbourg nell’andata della semifinale di Eurocup.aquila basket trento trentino

In un ambiente rovente, contro la capoclassifica della Lega Francese che la scorsa settimana aveva eliminato niente meno che i russi del Nizhny Novgorod, la squadra trentina si è infatti resa protagonista di una performance che, eccezion fatta per un brutto break subito nella seconda metà del secondo periodo, può essere definita ai limiti della perfezione. Wright (16, 7 rimbalzi e 4 assist), Lockett (14 tutti importanti), e il solito Pascolo (13 e 7 rimbalzi) i migliori tra i bianconeri, anche se non possono essere dimenticate le super prove di Forray (11 con tre tiri da tre punti) e di un Flaccadori fondamentale (9) nei 19 minuti giocati. Tra i francesi eccellenti le prove di Fofana (15 e 10 rimbalzi) e Weems (15), ma molto continua è stata anche la partita di Campbell (11).

La cronaca: Forray e compagni entrano in campo azzannando la partita con l’aggressività della propria difesa, traendo dalla propria metà campo l’energia per attaccare, con quattro giocatori del quintetto base a segno già dopo tre minuti (2-10). Ad accendere l’attacco di Strasbourg deve pensare Kyle Weems (5), ma è Julian Wright con due triple (6) e 3 rimbalzi a dominare la gara (5-13 al 5′). Louis Campbell mette in ritmo sé, con la bomba, e compagni, assistendo la schiacciata di Fofana, ma Forray dall’arco (9 con 3/3 dall’arco) ha la faccia cattiva dei giorni migliori (13-23). Beabouis e Collins non vedono palla contro la pressione di Lockett e Sutton (1 furto a testa), e a fare il resto pensano il perno di Pascolo e una bomba sulla sirena di Flaccadori: al 10′ è 16-31 con una Dolomiti Energia esondante.

Il secondo periodo si apre con Poeta che dipinge pallacanestro pennellando assist a destra e a manca (6!) e armando la mano arroventata di Wright, che scollina la doppia cifra personale (11 con 3/3 dall’arco) e illude i trentini lanciandoli addirittura sopra di venti (16-36 al 12′). Alla Rheinus Sport però Real Madrid e Fenerbahce non sono cadute per caso: e il talento di Beabuois, unito alle soluzioni dai 6.75 di Campbell e Weems, infiamma i 6.200 alsaziani che spingono con il loro assordante frastuono la difesa dei padroni di casa ad un terrificante parziale di 17-0 (33-36). Trento, a parte due soluzioni in penetrazione di Flaccadori (nella foto Montigiani) e Lockett, non segna più per 8 minuti, sparacchiando dall’arco (0-7) e soffrendo la feroce pressione dello Strasbourg, che va al break lungo in scia agli aquilotti (37-40) con 12 personali di Weems.

Al rientro dalla pausa lunga Weems riparte da dove si era interrotto sparando un siluro da 7 metri con mano in faccia di Sutton (40-42). Dominique gli risponde con movimento spalle a canestro, seguito a ruota da 4 punti in fila di Lockett (42-48). La battaglia è impressionante per il suo livello di fisicità, ma proprio quando sono muscoli e centimetri a comandare, Poeta con tripla e percussione al ferro e Pascolo con tiro in allontanamento mandano le squadre all’ultima sosta sul 51-59 bianconero.

L’ultimo periodo si apre con l’ex Mavericks Beuabois a mettere in mostra il suo talento con tiro da tre e recupero difensivo (56-61). Mardy Collins segna il primo canestro della sua partita a 5′ dalla fine, ma Flaccadori gioca come un veterano trovando soluzioni in avvicinamento e caricando di falli la difesa avversaria nel momento in cui il ritmo degli alsaziani rischia di travolgere i bianconeri (62-65): con il suo atletismo anche Lockett trova occasione di andare in lunetta a ripetizione (64-69 con 4/5 dell’ex Marquette) ma lo Strasbourg, mai domo, non molla andando a servire nel pitturato un dirompente Fofana (15). Sono però un arcobaleno di Poeta (7) e una cucchiaiata di Pascolo a suggellare la vittoria aquilotta per 68-74 in attesa del ritorno di mercoledì 6 aprile al PalaTrento (ore 19.30).

TABELLINO
STRASBOURG IG – DOLOMITI ENERGIA TRENTINO 68-74 (16-31, 37-40, 51-59)
Sig Strasburgo. Collins (2/7, 0/2), Beaubois 9 (2/5, 1,4), Lacombe 5 (0/1, 1/3), Leloup 5 (1/2, 1/3), Campbell 11 (0/2, 3/8), Cortale ne, Ntikilina (0/1 da due), Fofana 15 (6/7), Weems 15 (2/6, 3/7), Duport 4 (2/5, 0/1). All. Collet
Dolomiti Energia Trentino. Poeta 7 (2/2, 1/4), Pascolo 13 (6/9, 0/1), Forray 11 (0/1, 3/6), Lofberg ne, Flaccadori 9 (3/3, 1/3), Bellan ne, Sutton 2 (1/6, 0/1), Lockett 14 (5/7, 0/3), Lechthaler 2 (1/2), Wright 16 (3/7, 3/3). All. Buscaglia
Note. Tiri da due: Strasburgo 15/36, Trentino 21/37; tiri da tre: Strasburgo 9/28, Trentino 8/21; tiri liberi: Strasburgo: 11/14, Trentino 8/13; rimbalzi: Strasburgo 38 (Fofana 10), Trentino 32 (Pascolo e Wright 7); assist: Strasburgo 17 (Beaubois 5), Trentino 19 (Poeta 6).
Arbitri. Seffi Shemmesh (Isr), Ioannis Foufis (Gre), Saso Petek (Slo)

MAURIZIO BUSCAGLIA (Coach DOLOMITI ENERGIA TRENTINO): “Abbiamo avuto un buon impatto partita, controllando i rimbalzi, difendendo forte e trovando percentuali altissime da tre punti. Nel secondo quarto abbiamo iniziato ad abusare del palleggio giocando meno assieme, e siamo calati anche in difesa e a rimbalzo. Poi, dopo averne parlato all’intervallo, siamo riusciti a tornare ad esprimerci come potevamo, giocando assieme e ritrovando il filo grazie alle cose semplici: correndo aggressivamente il campo, ribaltando il lato in attacco, e bloccando come si deve. È una vittoria importante ma questa è solo la prima parte della semifinale. È ancora lunga e lo sappiamo”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136