QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Basket, Adecco Gold: a Verona sbarca l’Aquila Trento per il derby dell’Adige. La presentazione: statistiche e curiosità

martedì, 4 febbraio 2014

Verona - Secondo turno infrasettimanale del campionato di Adecco Gold e com’era successo anche all’andata, nell’unico precedente turno infrasettimanale, si gioca il derby dell’Adige: domani, mercoledì 5 febbraio (palla a due alle 20.30) l’Aquila Basket sarà infatti impegnata a Verona nella quinta giornata di ritorno del campionato Adecco Gold, torneo che la squadra di coach Buscaglia guida con 28 punti.Aquila Trento

La Tezenis dopo la sconfitta a Torino dell’ultima giornata invece occupa il settimo posto della graduatoria con 20 punti, frutto di 10 vittorie in 19 incontri disputati. La Tezenis Verona, una delle squadre meglio attrezzate per il torneo e ad inizio stagione tra le più serie candidate per la promozione in serie A, ha tanta voglia di riscatto dopo la sconfitta del PalaRuffini: pertanto Trento dovrà fornire una prestazione da “capolista” se vorrà uscire indenne dal PalaOlimpia. La partita è molto sentita da entrambe le tifoserie e molti tifosi bianconeri, nonostante si giochi di mercoledì, sono attesi a Verona: per chi volesse assicurarsi il biglietto c’è la possibilità di acquistarlo online su http://www.boxol.it/ScaligeraBasket/IT/?A=42242). La palla a due sarà alle 20.30 e per Trento sarà senza dubbio una partita in cui ci sarà molto da soffrire.

L’allenatore degli scaligeri è Alessadro Ramagli, allenatore che può vantare un «curriculum» di tutto rispetto, che da fine anni ’90 a oggi lo ha visto impegnato sulle panchine di squadre prestigiose come Livorno, Biella, Pesaro, Treviso, Reggio Emilia e Teramo. Dal 2012 è alla guida di Verona, con cui lo scorso anno ha ottenuto un sesto posto (eliminati da Casale nei quarti di finale playoff). Il suo vice, Alessandro De Pol, classe ’72, è un ex giocatore professionista che oltre ad aver calcato i parquet della serie A per svariate stagioni ha vestito la maglia azzurra per ben 137 volte (vincendo anche l’oro europeo del ’99).

Gli avversari:

La Tezenis Scaligera Verona è una delle squadre che in estate si è mossa meglio sul mercato, formando un roster che può permettersi di puntare molto in alto. La coppia di esterni americana è di altissimo livello: il play Jerry Smith, dopo un inizio di stagione da miglior realizzatore del torneo, viaggia a 14,1 punti a partita tirando con ottime percentuali soprattutto da 2 punti (55,4%). Smith fa dell’abilità in palleggio e dell’esplosività le sue armi migliori, ma è capace di dare un sostanzioso apporto alla sua squadra anche in termini di aggressività a rimbalzo (4,1 a partita) e capacità di coinvolgere i compagni in attacco (3,6 assist). Il suo  compagno di reparto, la guardia Ronell Taylor, è un giocatore altrettanto completo e talentuoso, come dimostrano i numeri collezionati fino ad oggi: 13,9 punti punti, 5,7 rimbalzi e 2,7 assist a partita.

Il 48% al tiro dal campo è un dato importante che sottolinea la sua grande efficienza. Dalla panchina esce invece un altro grande campione, arrivato dalla Montepaschi Siena con cui ha vinto tutto negli ultimi anni: Marco Carraretto sta mettendo al servizio della squadra veneta la sua grande esperienza, e il suo ruolo nel roster di coach Ramagli va ben al di là delle statistiche (5,3 punti e il 41% da 3 punti). Tra gli esterni, importante il contributo anche di Giorgio Boscagin: l’ala classe ’83 garantisce ordine e difesa, oltre a punti (8 di media, con un massimo di 17 realizzati contro Trieste) e presenza a rimbalzo (3 a partita). Per completare la rotazione, sta trovando spazio anche Davide Reati, tiratore da 3 punti micidiale (35/74 da oltre l’arco, 47,3%) capace di «spaccare» la partita grazie alla sua pericolosità perimetrale. Nemmeno tra i lunghi mancano i nomi importanti, basti pensare che da ala forte in quintetto parte uno come Craig Callahan: l’italo-americano si sta confermando tra i “top player” di categoria grazie a 13,8 punti, 6,6 rimbalzi e percentuali di tutto rispetto sia da dentro l’area (54,4% da 2 punti) che dall’arco dei 6.75 (40,3%, ma è stato capace anche di un 6/6 contro Napoli). Un altro lungo che ama giocare sul perimetro èMatteo Da Ros, alla seconda stagione in maglia gialloblù e autore di 7,5 punti e quasi 5 rimbalzi a partita. Luca Gandini, centro di grande esperienza e carisma, una stagione a Trento nel 2010/11, è un’altra presenza scomoda per qualunque avversario, e fin qui sta segnando 5,7 punti, ai quali aggiunge ben 5,8 rimbalzi.

Statistiche di squadra:9° miglior attacco con 1455 punti segnati (1° Barcellona con 1579, 3° Trento con 1487)

4° miglior difesa con 1385 punti subiti (1° Casale con 1273, 2° Trento con 1320)

All’andata:

Trento trova il primo successo casalingo dell’anno battendo al PalaTrento la Tezenis col punteggio di 76-70. Protagonista assoluto del match la guardia americana Brandon Triche, che segna 31 punti (ancora oggi massimo stagionale per l’ex Syracuse) tirando 10/17 dal campo. Nonostante il talento di Triche, la partita rimane in equilibrio fino agli ultimi istanti: è Filippo Baldi Rossi a «chiuderla» definitivamente con un gran tiro dall’angolo su assist di BJ Elder a pochi secondi dalla fine.

Domenica di festa al PalaTrento per il Minibasket: Forray&co. insieme ai bambini del minibasket di sette centri del Trentino

I giocatori dell’Aquila Basket, a distanza di venti ore dalla vittoria contro Forlì, sono tornati ancora una volta al PalaTrento: non per allenarsi questa volta, ma per giocatore insieme ai 200 bambini presenti alla Festa Minibasket organizzata al PalaTrento, che ha visto la partecipazione di ben sette centri minibasket! Infatti, oltre ai Centri Minibasket dell’Aquila Basket Trento, erano presenti il centro minibasket del Belvedere Ravina, B.C. Gardolo, Paganella Lavis, Minibasket Paganella Rotaliana, Basket Pergine e Val di Fiemme Basket Team (vedi foto allegata)Guidati dai propri istruttori tutti i bambini si sono divertiti giocando tante partite sul parquet dove si allenano e disputano le gare ufficiali BJ Elder e compagni. Alle ore 17.00 sono arrivati al PalaTrento anche un quintetto formato da Forray, Spanghero, Fiorito, Triche e Molinaro: i cinque bianconeri hanno ricevuto grandi applausi dai tanti bambini e bambine presenti esibendosi in schiacciate e tiri da tre punti. Le giocate più applaudite sono state le schiacciate di Molinaro e i canestri da oltre metà campo del capitano Toto Forray. Alla fine del pomeriggio di basket una selezione di bambini ha sfidato i cinque di Aquila Basket in una gara di tiro finita in parità. Al termine della giornata un bel rinfresco per tutti i partecipanti offerto dal Panificio Sosi, una delle aziende che fanno parte del CAST Aquila Basket. La festa minibasket non si limita però soltanto alla giornata di domenica 2 febbraio: infatti i Centri Minibasket torneranno al PalaTrento sabato 8 febbraio per sfilare durante l’intervallo della gara tra Aquila Basket Trento e GZC Veroli.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136