QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Aquila Basket Trento, troppo Mitchell per Verona: la Dolomiti Energia vince in volata

domenica, 28 settembre 2014

Trento – Per assistere a una convincente prestazione corale, pregasi ripassare un’altra volta, non è ancora il momento. Per vedere uno scintillante Tony Mitchell, 28 punti in 29 minuti di onnipotenza cestistica, e un netto predominio a rimbalzo bianconero, 47 carambole a 28, l’appuntamento è fissato a una domenica di fine settembre al PalaTrento.MitchelAquila Trento

Dove la Dolomiti Energia Basket Trento sfida nell’ultima amichevole casalinga del precampionato la Tezenis Verona, formazione candidata ai quartieri alti della Legadue che nelle ultime settimane ha già fatto soffrire anche la corazzata Grissin Bon Reggio Emilia. Finisce come doveva finire, con Forray e compagni a vincere di misura, 78-74. E con la Verona dell’ex Umeh convinta d’aver fatto un altro passo avanti verso una stagione potenzialmente da ricordare.

LA CRONACA

Per la prima volta in stagione Maurizio Buscaglia inserisce in quintetto Tony Mitchell, reduce dai 25, esaltanti punti messi a segno nella gara amichevole di mercoledì contro Reggio Emilia. Il numero uno ripaga il suo coach facendo male alla difesa scaligera da tutte le posizioni: segna dalla media, da sotto, da tre punti e in contropiede: 17-10. Verona risponde col collettivo, trovando punti da Giuri, Monroe e Umeh. Al decimo è 21-19. Nel secondo quarto la Tezenis sale ancora di livello, soprattutto in difesa. Una tripla di Reati dà ai veneti il primo vantaggio (23-24), un lay up di Gandini lo amplia. La Dolomiti Energia, con Mitchell e Baldi Rossi seduti in panchina, fatica un po’ in attacco e si barcamena solo stravincendo il duello a rimbalzo. Owens prova a tirarla fuori dalle secche offensive, ma quando Giuri porta in post basso Flaccadori è massimo vantaggio Tezenis: 28-33. Per riaccendere l’attacco bianconero Buscaglia ricorre alla sua formula segreta: la formula uno, il numero che ha sulle spalle Tony Mitchell. Si va all’intervallo sul 35-33, con l’ala georgiana che segna pure fuori tempo massimo da quindici metri facendo saltare sui seggiolini i 1.500 di via Fersina.

Al rientro in campo Mitchell continua la sua personale esercitazione di tiro. Nell’altra metà campo provano a rispondergli N’Doja, con due triple, e Reati, con una. Quando anche Grant va a segno dall’angolo però la potenza di fuoco bianconera è oltre la portata della difesa gialloblù. Solo un canestro di Umeh sulla sirena di fine terzo quarto tiene la Tezenis in partita (59-52). Spanghero e Sanders provano a mettere il sigillo sulla gara all’inizio dell’ultima frazione, ma alle loro triple rispondono con la stessa moneta Giuri e Boscagin. Una seconda tripla del capitano gialloblù fissa il punteggio sul 68 pari a quattro minuti dal termine. La volata è lanciata. Baldi Rossi da tre: 71-68. Due liberi di Gandini, 71-70. Recupero e tripla di Grant, 74-70. Errore da una parte, errore dall’altra, Boscagin fa uno su due dalla linea. 74-71 a un minuto e mezzo dalla fine. Baldi Rossi e Owens sfruttano a dovere un cambio difensivo. Due liberi dell’ex Stanford ed è game over. Al campionato mancano due settimane. Tra poco si farà sul serio.

I TABELLINI
Dolomiti Energia – Tezenis Verona 78 – 74 (21-19, 35-33, 59-53)

Dolomiti Energia Trento: Forray 0, Spanghero 3, Grant 11, Sanders 9, Baldi Rossi 13, Owens 14, Flaccadori 0, Bellan ne, Bertocchi ne, Lenti Ceo ne, Armwood 0. All. Buscaglia
Tezenis Verona: Umeh 12, Reati 10, De Nicolao 4, Boscagin 12, Bartolozzi ne, N’Doja 14, Mazzantini ne, Gandini 6, Giuri 10, Monroe 6. All. Ramagli

LE DICHIARAZIONI

Coach Maurizio Buscaglia (Dolomiti Energia Trento): “Verona è una squadra con ottimi tiratori, bisognava correre tanto in difesa per recuperare. Su questa cosa siamo andati a sprazzi. Quando lo abbiamo fatto, e poi avevamo posizione a rimbalzo, in quattro secondi netti eravamo di là a concludere, senza stare troppo a pensare a giochi e tattiche. Perché tiro e corsa ce li abbiamo, se non ci incartiamo mentalmente. Non dobbiamo esagerare con le esasperazioni tattiche. Dobbiamo mettere in campo fisico ed energia”.

Michael Umeh (Tezenis Verona): “A Verona mi sto trovando bene. Sto cercando di lavorare duro, giorno dopo giorno, per cercare di aiutare sempre più la squadra. Tra poco sarà ora di fare sul serio. Non vedo l’ora. Trento? E’ una società molto bene organizzata. Che ha fatto tutte le cose a dovere. Mi hanno fatto una bella impressione”.

LA PRESENTAZIONE
Oltre mille persone in festa per la nuova Dolomiti Energia. Il caldo abbraccio del PalaTrento ha salutato la presentazione dei bianconeri: prima volta del nuovo inno cantato da “Il Nano”, “Anansi” e “Humus”

C’erano i tifosi, oltre mille e come d’abitudine calorosissimi. C’erano i ragazzi delle giovanili della Dolomiti Energia Basket Trento, sfilati sul palco assieme ai loro campioni preferiti, proprio come i ragazzi dei settori giovanili di Basket Club Gardolo, di Junior Basket e San Marco Rovereto, di Paganella Lavis, del minibasket di Mezzolombardo e del Basket Pergine. E poi c’erano loro, i campioni della Dolomiti Energia Basket Trento, presentati ad uno ad uno sul palco del PalaTrento da Sonia Leonardi, madrina d’eccezione della presentazione ufficiale della squadra. Tra i più applauditi, certamente coach Maurizio Buscaglia e capitan Forray. Ma l’affetto dei tifosi non è mancato nemmeno nei confronti dei nuovi acquisti del club aquilotto, come Tony Mitchell e Josh Owens, estendendosi anche ai presidenti delle dodici associazioni aderenti al progetto sociale Aquila Basket For No Profit.

Alla presentazione ufficiale della Dolomiti Energia, inoltre, non sono mancate le sorprese. Tra le più gradite c’è stata certamente la prima esecuzione ufficiale del nuovo inno del club, cantato da “Il Nano”, “Anansi” e “Humus”. Ma hanno catturato l’attenzione del pubblico aquilotto anche gli interventi del sindaco di Trento Alessandro Andreatta, del presidente di Dolomiti Energia Rudi Oss, del assessore allo sport del comune di Trento Paolo Castelli e del presidente della Provincia di Trento Ugo Rossi. “Sono qui più come tifoso che in veste istituzionale – ha detto il governatore trentino -. Però ci terrei a dire che questa società trasmette ai giovani che la seguono e che ne vestono la maglia valori importanti”.

Al termine della presentazione, mentre Toto Forray e compagni sono entrati sul parquet per riscaldarsi in vista dell’amichevole contro la Tezenis Verona, il pubblico ha invaso festante il piazzale esterno del PalaTrento per gustare la “Merenda del tifoso”, offerta dal “Trust Aquila”, l’associazione di tifosi bianconeri che tra due settimane si riunirà nella prima assemblea elettiva della sua storia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136