QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aquila Basket Trento, sabato il big match con Capo d’Orlando. Coach Buscaglia: “Dovremo giocare al massimo”

martedì, 10 dicembre 2013

Trento - Da Barcellona a Capo d’Orlando ci sono pochi chilometri di distanza: dopo aver giocato domenica a Barcellona, Forray e compagni affronteranno sabato 14 dicembre alle 20.30 proprio l’altra squadra siciliana, guidata in panchina da coach Pozzecco. Oggi la squadra ha effettuato un doppio allenamento proprio per prepararsi per questa ennesima sfida da alta classifica di questa stagione.aquila basket

Presso la sede di via Fogazzaro sono già iniziate le prevendite che proseguiranno fino a venerdì 13 dicembre con il consueto orario d’apertura della segreteria dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00; nella giornata di sabato 14 dicembre la prevendita sarà disponibile solo al mattino dalle ore 9.00 alle ore 12.00. Per la gara con Capo d’Orlando e con Trapani ci sarà il Christmas Gift, il regalo di Natale di Aquila Basket per i ragazzi/e Under 14, che potranno acquistare il proprio biglietto per qualunque settore del PalaTrento a soli 3 euro. 3 euro, un prezzo bassissimo per vedere uno spettacolo impagabile come quello che hanno offerto finora i ragazzi di coach Buscaglia, che ovviamente è molto soddisfatto del comportamento della squadra in Sicilia.

«Uno dei momenti decisivi del match è stato il nostro parziale nel terzo quarto che ci ha rimesso in partita: gli ultimi cinque minuti prima dell’intervallo, nonostante proprio in quel momento Barcellona ci avesse fatto arrivare sotto di 12, ci hanno dato la convinzione che rientrando in campo avremmo potuto giocarcela fino in fondo alla pari con i nostri avversari.

Abbiamo avuto la fiducia necessaria per costruire le basi della nostra rimonta e giocarcela poi punto a punto». La reazione veemente dei bianconeri ad inizio terzo quarto sta diventando una piacevole costante della stagione: proprio dal confronto tra Buscaglia e i suoi giocatori all’intervallo nascono spesso i presupposti per limare le imperfezioni dei primi 20’ e trovare entusiasmo e ritmo. «Cerchiamo sempre di analizzare insieme quello che sta succedendo in campo, e i cambiamenti che decidiamo di apportare al nostro “piano partita” nascono da una lettura di squadra condivisa: spesso le cose da migliorare si rivelano le più “semplici”, andare a rimbalzo di squadra, giocare insieme in attacco, sacrificarsi per il gruppo. Sono sacrifici che nascono dalla coscienza che far girare al meglio la squadra aiuta ogni singolo giocatore ad esprimersi al massimo». E un passo alla volta, tutti i giocatori del roster stanno riuscendo a mettersi in luce anche sui tabellini, grazie a un attacco fluido e ben bilanciato, come dimostrano anche i 5 giocatori finiti in doppia cifra a Barcellona (Elder miglior marcatore con 15 punti, Baldi Rossi, Pascolo e Triche a quota 14 e Lechthaler a 12). «Stanno crescendo tutti quanti: chi aveva fatto un passo avanti prima degli altri, ora sta lavorando per alzare ulteriormente il proprio livello, e chi invece all’inizio aveva fatto un po’ più di fatica ad essere coinvolto in attacco adesso sta cominciando a raccogliere i frutti di tutti gli allenamenti e le partite giocate finora; penso a Lech, che domenica si è reso protagonista di un’ottima prestazione».

L’Aquila Basket sabato alle 20.30 affronterà tra le mura amiche del PalaTrento l’Orlandina Basket allenata da coach Pozzecco, l’ennesima avversaria di altissimo livello in questa parte di stagione costellata di «big match». «Ai miei ragazzi durante l’intervallo dell’ultima partita ho detto che contro una squadra come Barcellona non potevamo permetterci di fare una partita “normale”: contro Capo d’Orlando la situazione sarà la stessa, perché cambiano i protagonisti e le caratteristiche degli avversari ma rimane il fatto che per giocare alla pari con squadre così forti dovremo giocare al massimo livello. L’Orlandina può contare su giocatori eccezionali: Basile, Soragna, Archie, Nicevic, Mays, Portannese… Possono contare su un roster davvero micidiale, che fa della capacità realizzativa perimetrale la sua arma migliore perché sono tutti giocatori con punti nelle mani e grande tecnica: dopo sette vittorie consecutive hanno perso contro Trieste ma sono in un ottimo momento di forma, ma anche noi arriviamo da 5 match di grande spessore e quindi ne verrà fuori sicuramente una bella partita dove saranno decisivi i dettagli e l’esecuzione di quello su cui lavoriamo in settimana ad allenamento».


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136