QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica, la Granfondo sulle orme di Pantani: oltre tremila al via

domenica, 23 giugno 2013

Aprica- Uno degli appuntamenti che segneranno la giornata di oggi è senza dubbio la nona edizione della Granfondo Internazionale Giordana, scattata stamane dall’Aprica e che ha visto al via oltre tremila grimpeur sui passi alpini del Gavia e Mortirolo. Alle 6.45 sono stati chiusi al traffico alcuni tratti stradali per consentire il passaggio in sicurezza degli atleti che sono scesi a fino a Edolo a velocità controllata, dopo di che, giunti in pieno centro, c’ è stata la “flying start”, la partenza volante che di fatto ha aperto le danze. Già attorno al 20° chilometro gli atleti che hanno scelto il percorso più breve (85 km e 1850 m/dsl) hanno la freccia a sinistra per salire al Passo del Mortirolo sul versante di Monno, con una salita di più di 12 chilometri di dislivello di 800 metri, di certo pedalabile, ma non sono mancati alcuni tratti con pendenza del 10%. Allo scollinamento i corridori sono rientrati ad Aprica per un primo passaggio, prima di salire al Passo di Santa Cristina e finire la propria prova sul rettilineo aprichese.

Nel frattempo la carovana un po’ sfoltita è salita al  Passo Gavia sotto l’occhio vigile degli stambecchi e dell’intero Gruppo dell’Adamello, tra i più caldi fronti alpini durante il Primo Conflitto Mondiale, dove hanno trovato sul ciglio strada i muraglioni bianchi alti anche più di 3 metri, rimasuglio di quell’inverno presosi un po’ in ritardo e che a fine maggio aveva lasciato al palo il Giro d’Italia proprio sul Gavia.

In gara tanti atleti di punta nel panorama granfondo, con i concorrenti iscritti al Challenge Giordana, ai circuiti Nobili/Supernobili, ma anche al Gran Trofeo Multipower – Coppa Lombardia ed alla prima prova della combinata che assegnerà il 1° Trofeo Italo Svizzero dello Scalatore e tra questi il team Maggi con Giuseppe Di Salvo e Matteo Cappè, già vincitore lo scorso anno, ma anche il vicentino Roberto Cunico con il compagno Enrico Zen, Alessandro Bertuola, Kairelis, Eskov, Camozzi, Magri e anche i due bikers colombiani Amaya Chia e Botero Salazar (fuori classifica). Tra le donne si attendono Astrid Schartmueller, Ilaria Rinaldi, Claudia Gentili e ancora Zogli, Sonzogni, Koschier e molte altre.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136