QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Alpinismo: Simone Moro conquista in invernale il Nanga Parbat ed entra nella storia

venerdì, 26 febbraio 2016

Nanga Parbat – Simone Moro, 48enne, bergamasco, con il pakistano Ali Sadpara e il basco Alex Txikon ha portato a termine una delle più grandi imprese nella storia dell’alpinismo, conquistando il Nanga Parbat. La 29enne altoatesina Tamara Lunger, compagna di spedizione di Moro, ha invece rinunciato.

simonemoro

Il Nanga Parbat, considerato con l’Annapurna, è una dei due ultimi giganti ancora inviolati (l’altro è il K2) nella stagione più fredda per le scalate. Gli alpinisti sono saliti lungo la via Kinshofer, sul versante Diamir, lasciando il campo 4, a quota 7.200 metri, alle 5 e 30 di mattina. Dopo oltre un dislivello di 900 metri alle 15.37 locali (le 11 e 37 italiane) hanno raggiunto l’obiettivo inseguito da oltre 30 spedizioni dagli anni ’80 in avanti.

La cima pakistana permette a Simone Moro di salire a quota quattro prime invernali, unico nella storia, dopo le spedizioni riuscite allo Shisha Pangma nel 2005 con Piotr Morawski, al Makalu nel 2009 con Denis Urubko, con il quale è arivato sulla vetta del Gasherbrum II nel 2011 in compagnia di Richard Cory.

Simone Moro con questa ennesima impresa diventa il maestro delle invernali e può a pieno diritto affincare i più grandi dell’alpinismo come Walter Bonatti e Reinhold Messner.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136