QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Riva del Garda, petizione in Provincia per l’ampliamento della piscina “Meroni”

venerdì, 26 maggio 2017

Riva del Garda – Petizione per ampliare la piscina di Riva del Garda. La Quarta Commissione della Provincia di Trento ha ascoltato i firmatari della petizione popolare, sottoscritta da 1061 cittadini, riguardante l’ampliamento della piscina comunale coperta “Enrico Meroni” di Riva del Garda. Per illustrarla, sono intervenuti Enzo Feltrinelli, primo firmatario, affiancato da Luciano Rigatti (Amici Nuoto Riva) e Nicolò Rigatti (coordinatore Scuola Nuoto). L’attuale piscina coperta di 6 corsie rende impossibile soddisfare il bacino d’utenza di 60mila persone all’anno. Per questo si chiede un ampliamento. La piscina fu costruita alla fine degli anni ‘70 con i ribassi d’asta, completata nel ‘79 ma consegnata alla comunità nell’84. Da allora si sono succedute cinque gestioni, ma è a partire dalla gestione del ’94 che si è iniziato ad assistere ad una progressiva saturazione dell’impianto. L’utenza libera, meno di un terzo di quella complessiva, è fortemente penalizzata dalle attività coordinate e dagli ingressi convenzionati, corsi scolastici, attività di nuoto agonistico, corsi di nuoto per disabili, corsi per assistenti bagnanti e attività subacquea.Riva Garda 2

Di questa questione si parla dal 2006, ma ancora non si vede soluzione, pur essendo il progetto – che proietta da 6 a 20 le corsie disponibili – inserito nel piano delle opere pubbliche di Riva del Garda e in presenza di una delibera favorevole del Comune. L’assessore Tiziano Mellarini ha precisato che l’assessorato non può farsi carico di una struttura di questo tipo, perché spetta all’Amministrazione comunale fare queste scelte, ma si è comunque preso l’impegno di condividere e supportare i firmatari, cercando di farsi da tramite nel comprendere con l’ente locale quali siano i progetti futuri per la struttura. “Credo che l’Alto Garda e Ledro abbiano la necessità di un impianto natatorio adeguato, di dimensione sovra comunale” ha aggiunto.
L’attività della Commissione si completerà con l’ascolto di altri soggetti che saranno coinvolti per comprendere le potenzialità di una struttura di questo tipo dal punto di vista sportivo e turistico: il sindaco di Riva, il Presidente della Comunità di valle, il Presidente del Coni e il Presidente della Federazione nuoto trentina.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136