Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Regolamento della pesca per il lago di Garda

lunedì, 20 maggio 2019

Riva del Garda – Definito il regolamento della pesca per il lago di Garda. Tre enti (Regione Lombardia, Regione Veneto e Provincia di Trento) si impegnano dunque a promuovere una gestione unitaria e una normativa comune della pesca professionale e sportiva e della tutela del patrimonio ittico nel lago di Garda.

Gli obiettivi sono di carattere ambientale per garantire un corretto stato di conservazione degli habitat e delle specie, sociale per garantire regolamenti coordinati e attività unitarie di controllo e repressione del bracconaggio ed economico per garantire il razionale utilizzo delle risorse pubbliche dedicate. “Ringrazio i colleghi di Veneto e Trento – afferma l’assessore alla Pesca di Regione Lombardia, Fabio Rolfi – per la sensibilità dimostrata anche su questo tema. Stiamo istituendo un tavolo di coordinamento con il compito di elaborare e aggiornare il programma delle azioni in materia di pesca, la regolamentazione dell’accesso della pesca professionale su tutto il lago di Garda, le operazioni di vigilanza e controllo, la promozione delle attività di turismo e il contenimento delle specie alloctone invasive per tutelare e incrementare l’ittiofauna autoctona”.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136