QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Tour Transalp, il successo va all’austriaco Rehab St. Veit

domenica, 30 giugno 2013

Aprica –  Dopo la tappa a Livigno e Aprica, la corsa ciclistica Transalp  ha tagliato il traguardo di Arco di Trento e i circa 1400 atleti, la corsa è in coppia quindi con un gruppo di 700 coppie, hanno concluso il percorso. La quarta, quinta e sesta tappa del tour Transalp  è transitato sulle strade di Valtellina, Valle Camonica e Trentino. Mercoledì la tappa a Livigno, giovedì ad Aprica, venerdì il passaggio da Ponte di Legno e dal Passo Tonale  con arrivo a Caldaro. Infine la grande festa in piazza Segantini ad Arco di Trento dopo aver valicato 18 passi, percorso 800 chilometri suddivisi in 7 tappe e ben 18 mila metri di dislivello attraverso le Alpi.

I parteciresizepanti alla “Schwalbe Tour Transalp” sono giunti alla spicciolata nella cittadina del Garda trentino. Vincitori i belgi Bart van Damme e Kristof Houben (nella foto). Tutti protagonisti in egual misura i “finisher”, coloro cioè che sono riusciti nell’impresa di completare la massacrante settimana sui pedali, partita il 23 giugno da Sonthofen, cittadina della Baviera, per poi avventurarsi nelle Alpi attraverso Germania, Austria, Svizzera e Italia. Difficile immaginare un epilogo migliore di questa corsa, giunta all’undicesima edizione. L’ultima tappa è partita in mattinata da Caldaro con i corridori che hanno superato nell’ordine Fai della Paganella, Ponte Arche, Passo Ballino e si sono goduti una picchiata verso il traguardo, passando per Tenno, con intensi squarci panoramici sul lago di Garda.Il maltempo è stato proprio il fattore che ha reso lo sforzo ancora più aspro il percorso, con neve e freddo.  Al passaggio dal passo Tonale la temperatura era di 2 gradi. La vittoria assoluta di tappa è andata al Grinta! Granfondo Team composto dai belgi Bart van Damme e Kristof Houben, che hanno coperto i 103.5 chilometriin 2 ore 42 minuti e 17 secondi, mentre la vittoria generale assoluta è stata conquistata da Cancer Rehab St. Veit (Austria) in 23 ore, 8 minuti e 52 secondi. Gloria anche per gli atleti Silvano Janes e Gabriele Valentini, portacolori del Team Garda Trentino, che hanno agevolmente conquistato la quarta vittoria di tappa su sei disputate tra i Grand Masters, aggiudicandosi anche la generale di categoria. Il commento dei vincitori non si è fatto attendere: “Quella che può sembrare una vittoria agevole, in realtà è stata conquistata con grande fatica chilometro dopo chilometro. L’unica tappa ad aver dato un po’ di tregua è stata quella finale con l’arrivo ad Arco, sul Garda  che ha reso  ancora più piacevole la nostra vittoria”. Silvano Janes ha aggiunto: «Abbiamo lasciato sfogare nelle prime due tappe i nostri diretti avversari del Team Forchheim by HaeroCarbon, per poi attaccarli proprio verso cima Coppi, il Passo dello Stelvio, da li in poi siamo sempre riusciti a vincere le tappe, anche se scendendo da Tenno mi sono reso conto di aver forato, per fortuna sono riuscito ad arrivare al traguardo senza fermarmi».

La versione MTB della manifestazione, la «Craft Bike Transalp», si correrà dal 13 al 20 luglio e si concluderà sempre nel Garda trentino, questa volta a Riva del Garda.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136