Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


“Tonale: passo che unisce”, a Ponte di Legno una lezione di storia

martedì, 15 maggio 2018

Ponte di Legno – L’iniziativa “Tonale: il passo che unisce”, organizzata ieri al Palazzetto dello Sport di Ponte di Legno (Brescia) ha colto nel segno con le opere illustrate nel corso della giornata agli studenti, con le esperienze di studio sulla storia del Novecento dai due versanti del Passo Tonale. Fin dalla prima mattinata al Palasport di Ponte di Legno sono giunti gli studenti dell’Alta Valle Camonica e della Val di Sole, docenti, storici, amministratori locali, in particolare i sindaci di Ponte di Legno (Aurelia Sandrini), Vermiglio (Anna Panizza) e Vezza d’Oglio (Giovan Maria Rizzi), quindi esponenti della società civile.

L’evento si è rivelato un’occasione per scambiarsi le esperienze e per raccontare la storia attraverso mostre, libri, teatro, musica e  spettacolo. Gli studenti, accompagnati degli insegnanti e all’ingresso al Palasport dalignese, hanno trovato all’ingresso libri sulla Prima e Seconda Guerra Mondiale e la storia del secolo scorso. Poi le mostre con gli uomini della Resistenza in Valle Camonica: le opere dell’artista Edoardo Nonelli, fotografie sulla prima guerra mondiale, ritratti di esponenti che hanno combattuto la Resistenza, quindi immagini dei lager. Spazio anche alla Polveriera di Sonico e alle mostre su: Resistenza e campi di concentramento italiano, Fossoli, Donne e Uomini della Shoah. con i volti e i luoghi della Resistenza in Valle Camonica, allestite da Edoardo Nonelli, Ferruccio Bulferetti, Silvia Calvi, Franco Pontieri ed Ezio Gilberti.

Nel contesto di “Tonale: il passo che unisce” gli studenti hanno presentato alcuni spettacoli su Resistenza e Grande Guerra e al termine c’è stato il ringraziamento per il lavoro svolto e soprattutto per l’approfondimento e la riflessione sul Novecento.

L’iniziativa è legata alle celebrazioni del Centenario dalla fine della Prima guerra mondiale ed ha coinvolto le zone di confine tra Valle Camonica e  Val di Sole, i ragazzi degli Istituti comprensivi: Alta Val di Sole, Ponte di Legno, Edolo, Cedegolo, Capo di Ponte, per un totale di dieci plessi da Capo di Ponte a Vermiglio.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136