QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Soccorso Alpino: servizio di sicurezza alla Trentapassi Skyrace e corso al Passo Tonale

domenica, 18 maggio 2014

Breno – Proseguono incessantemente le attività di servizio del Soccorso Alpino. Si è concluso con alcune distorsioni lievi e un trauma facciale, non grave, il servizio di sicurezza svolto oggi, domenica 18 maggio 2014, dai tecnici della V Delegazione Bresciana del Soccorso alpino in occasione della Trentapassi Skyrace, spettacolare competizione sportiva che si svolge nell’Alto Sebino, lungo un percorso panoramico di una ventina di chilometri, e raggiunge una quota di circa 1300 metri.soccorsoalpino

Il tempo ha favorito l’esito positivo della gara, a cui hanno partecipato circa 600 atleti. In quota, per garantire che lo svolgimento della manifestazione avvenisse nella massima sicurezza, c’erano sedici tecnici Cnsas – Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, appartenenti alle Stazioni di Breno e Media Valle Camonica, accanto a tutte le altre associazioni che hanno collaborato con gli organizzatori.

AL PRESENA…
Ieri mattina in Presena, al Passo del Tonale, si sono invece tenuti gli esami conclusivi per il corso di formazione di operatori per il soccorso piste. È stata un’iniziativa voluta dalla V Delegazione Bresciana e si è trattato di un corso sperimentale, tenutosi per la prima volta in Lombardia per aumentare la professionalità dei partecipanti nell’ambito delle operazioni di soccorso nel periodo invernale, quando la presenza di sciatori e turisti sulle piste dei comprensori turistici alpini è particolarmente elevata. Gli operatori che hanno partecipato al periodo di formazione sono stati una trentina, tutti sono già in possesso della qualifica di OSA (Operatore di soccorso alpino), che rappresenta la qualifica di base per accedere al Corpo.

I partecipanti hanno approfondito la parte sanitaria, quella legata alla legislazione specifica e soprattutto la parte tecnica di recupero degli infortunati e di movimentazione. Il corso è terminato con l’esame, da parte di istruttori Cnsas nazionali e regionali, e il rilascio della certificazione aggiuntiva. Un lavoro compiuto per tempo, con largo anticipo, in vista dell’inizio della stagione invernale 2014/2015, per essere pronti a garantire quella professionalità e quella competenza che sono indispensabili nei casi di infortunio e negli interventi di soccorso.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136