Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Ponte dell’Immacolata in Trentino: +5% di arrivi turistici. Allerta traffico per il rientro

sabato, 10 dicembre 2016

Folgarida-Marilleva – Il Trentino si conferma tra le destinazioni preferite dagli italiani per il Ponte dell’Immacolata. Complici le prime nevicate, l’apertura degli impianti sciistici e i mercatini di Natale, la nostra Provincia fa segnare un’ottima apertura di stagione invernale. La conferma arriva dalla rilevazione della Autobrennero sul traffico in arrivo sul Trentino per il Ponte dell’Immacolata: rispetto al 2011 – anno in cui la festività cadde proprio di giovedì, proponendo così il ponte di quattro giorni – il numero di automobili arrivate in Trentino fa segnare un incremento del 5 per cento. campiglio-neve-piste-grosteSe sorridono albergatori ed operatori turistici, rimane l’allerta traffico per la giornata di domani, quando sono previsti i rientri dalle località turistiche del Trentino e dell’Alto Adige. Nel 2011, anno di riferimento, l’A22 registrò, a partire dalle ore 11 fino in serata, dei rallentamenti tra i caselli di Bolzano e Rovereto Sud.

In previsione del traffico di rientro, nella giornata di domani è prevista in Trentino l’attivazione di una unità di coordinamento che raccoglie i servizi della Provincia autonoma di Trento, forze dell’ordine, A22, Protezione civile, Vigili del fuoco permanenti e volontari, e Nuvola. A partire della prime ore della mattinata la rete viaria sarà monitorata in tempo reale, così da gestire al meglio i picchi di traffico che si verificheranno presumibilmente a partire dalla tarda mattinata in autostrada e dalle ore 13 sulla rete viaria provinciale.

I CONSIGLI DELLA PROVINCIA
Il consiglio rivolto agli automobilisti e turisti è di evitare di mettersi in movimento a partire dalle ore 13: per chi rientra l’indicazione è di anticipare alla mattina (dalle ore 7 alle 10) la partenza oppure rimandarla al tardo pomeriggio dalle ore 18 in poi.

In generale è consigliabile evitare di transitare nel pomeriggio di domani lungo la valle dell’Adige e, se possibile, scegliere altre direttrici per il ritorno a casa: Valsugana per il Veneto, Giudicare e Storo per la Lombardia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136