QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Pellegrinaggio in Adamello: prendono il via le prime colonne. Sabato e domenica il clou a Vermiglio

martedì, 26 luglio 2016

Vermiglio (Ch.P.) – Tutto è pronto per il 53esimo “Pellegrinaggio in Adamello”, che quest’anno si svolge in Trentino nella terra solandra tra Vermiglio e l’Albiolo e sarà alla memoria del tenente Pier Giacinto Paribelli. Il periodo in cui si svolgerà sarà tra domani – 27 luglio – e domenica 31 luglio (Nella foto la sfilata a Breno dello scorso anno).

Breno Pellegrinaggio 4

Quest’anno l’organizzazione è affidata al gruppo Ana di Trento, con il supporto e la collaborazione del gruppo Ana Valcamonica. Il programma è quello collaudato: sei colonne per il percorso sul versante del Trentino e tre colonne per il versante Valle Camonica.

I percorsi sono impegnativi, perciò sono consigliati a persone che sono fisicamente preparate. I trentini, come già detto prima, hanno sei percorsi per arrivare nello stesso luogo dei lombardi, quest’ultimi ne hanno 3.

MERCOLEDÌ 27 LUGLIO 2016

La colonna 1 del Trentino parte da Vermiglio alle 13 per raggiungere il rifugio Denza, con una breve visitAdamello-2016a al Forte Presanella. In serata si terrà l’incontro con la guida alpina. Dalla partenza all’arrivo ci si impiega circa 3 ore

La colonna 1 della Valle Camonica ritrovo alle 10,30 al Passo del Tonale, trasferimento a Temù – località Bedolina e partenza per il rifugio Garibaldi.

GIOVEDÌ 28 LUGLIO 2016

La colonna 1 del Trentino parte dal rifugio Denza alle 8 per essere diretti al Rifugio Mandrone, durante il tragitto la visita al museo Glaciologico, il tempo di percorrenza di questo tragitto è tra 6 e 7 ore.
La colonna 1 della Valle Camonica parte alle 8 dal rifugio Garibaldi e arriva al Rifugio Lobbia Alta.
La colonna 2 del Trentino si ritrova alle scuole Elementari di Vermiglio

VENERDÌ 29 LUGLIO 2016

Colonna 1 del Trentino, parte dal Rifugio Mandrone alle 8 e arriva al Passo del Tonale (caserma Tonolini) ; tempo di percorrenza 6 ore. Durante lo spostamento il gruppo si fermerà a visitare la galleria “Suoni e Voci della Guerra Bianca”.
Colonna 1 della Valle Camonica, parte alle 8 dal Rifugio Lobbia Alta per raggiungere Passo Paradiso e il rifugio Mandrone.
Colonna 2 del Trentino, parte da Vermiglio, alle 8, faranno tappa al Rifugio Denza per poi concludere l’escursione al Passo del Tonale. In totale il tempo di percorrenza è rinchiuso tra le 7 e le 8 ore.
Colonna 2 della Valle Camonica, parte alle 13 dal Passo del Tonale nella zona della seggiovia che porta alla Valbiolo. Alle 13.30 partenza per il rifugio Bozzi, passando per il Passo Contrabbandieri.
Le colonne 3-4-5 del Trentino, pernotteranno presso la scuole Elementari di Vermiglio.

SABATO 30 LUGLIO 2016

Colonna 1 del Trentino, parte dal Passo del Tonale alle 5, faranno tappa al Torrione d’Albiolo, per arrivare in Val Castello; da qui si farà il trasferimento per cena e pernottamento a Vermiglio. Tempo di cammino circa 7/8 ore.
Colonna 1 della Valle Camonica, parte alle 5 per raggiungere la Valle di Strino, dove sarà celebrata la Messa alle 11 e successivamente rientreranno al Tonale e poi andare a Vermiglio.
Colonna 2 del Trentino, parte dal Passo del Tonale alle 5, faranno tappa al Torrione d’Albiolo, per arrivare in Val Castello; da qui si farà il trasferimento per cena e pernottamento a Vermiglio. Tempo di cammino circa 7/8 ore. .
Colonna 2 della Valle Camonica, parte alle ore 5.00 per andare in Valle di Strino, per poi celebrare la messa alle ore 11.00 e successivamente rientrare al Tonale e poi andare a Vermiglio.
Colonna 3 del Trentino, parte da Vermiglio alle 4.30 e si trasferirà col pullman al Passo del Tonale, faranno tappa al Torrione d’Albiolo, per arrivare in Val Castello; da qui si farà il trasferimento per cena e pernottamento a Vermiglio. Tempo di cammino circa 7/8 ore.
Colonna 3 della Valle Camonica, parte alle 5 per essere diretti all’alta Val di Strino, alle 11 si terrà la Messa, e successivamente rientrare al Tonale e poi andare a Vermiglio.
Colonna 4 del Trentino, partenza alle 5, dove si trasferirà da Vermiglio al Passo del Tonale in pullman. Arrivati al Tonale sono diretti a Val Castel. Alla sera trasferimento a Vermiglio in pullman. Tempo di percorrenza 7 ore.
Colonna 5 del Trentino, alle 5 trasferimento in pullman da Vermiglio al Forte Strino da qui si salirà a Val Cestel. Tempo di percorrenza circa 7 ore. Rientro a Vermiglio per la notte.
Colonna 6 del Trentino, ore 5.30 ritrovo previsto al parcheggio della seggiovia Valbiolo, per poi partire in direzione della Val Castel e finire sempre al Passo del Tonale. Tempo di percorrenza circa 6 ore. Cena e pernottamento a Vermiglio.

Il programma 

VENERDÌ 29 LUGLIO
ore 20.30 Concerto itinerante de “I Cantori da Vermei” lungo le vie del centro storico di Vermiglio
SABATO 30 LUGLIO
ore 11     Santa Messa e Cerimonia in Val Castel (Alta Val di Strino)
ore 19    Deposizione corona presso il Monumento ai Caduti di Vermiglio
ore 21    Concerto del “Coro Presanella” presso il Teatro Polo Culturale di Vermiglio
DOMENICA 31 LUGLIO
ore 09.30 Ammassamento a Vermiglio
ore 10         Inizio sfilata
ore 10.45  Saluto Autorità
ore 11.15   Santa Messa
ore 12.30 Rancio alpino c/o laghetti di S. Leonardo

LA STORIA 

I ricordi del Tenente Pier Giacinto Paribelli e la battaglia del intorno al 21 luglio 1915 la 245esima compagnia del Battaglione Val d’Intelvi si trasferiva a forcella Montozzo. Il 24 agosto 1915 iniziava l’attacco.

“La 245esima compagnia comandata dal capitano Sebregondi faceva parte del “Distaccamento Montozzo” e doveva svolgere un’azione dimostrativa sul Tonale e occupare quota 2875, in direzione Monte Redival e testata Val di Strino. Contemporaneamente la 50esima compagnia del tenente Attilio Calvi doveva raggiungere quota 2696 del monte Tonale orientale.

“L’attacco ebbe inizio alle prime luci dell’alba, ma incontrò subito una resistenza disperata: i due plotoni al comando del tenente Attilio Calvi riuscirono a percorrere soltanto metà della distanza che separava il Torrione dall’obiettivo principale e dovettero fermarsi presso quota 2770, cercando riparo alla meglio fra le rocce. La 245esima compagnia Val d’Intelvi occupò con un balzo la quota 2864 ma non potè avanzare oltre a causa dell’intenso fuoco nemico.

Il tenente Paribelli, giunto ad un passaggio obbligato formato da un gradino roccioso dell’altezza di 70/80 centimetri, dove gli
austriaci avevano puntato le loro mitragliatrici, lo superò per primo e venne colpito da una scarica di mitragliatrice al collo.
Ebbe la forza di ridiscendere a ritroso il gradino appoggiandosi con le mani al suolo, mentre il sangue gli colava dalla ferita
come una fontana. Morì in pochi secondi. La salma rimase sul terreno, venne recuperata dagli austriaci quella stessa notte.

Qualche mese dopo, tramite la Croce Rossa, giunse al Distaccamento Montozzo una comunicazione del Comando militare austriaco,
in cui si informava che “la salma dell’eroico tenente Pier Giacinto Paribelli era stata tumulata nel cimitero militare di Vermiglio e
che i denari trovati in suo possesso erano stati utilizzati per una sepoltura confacente al suo grado.” Si aggiungeva inoltre che
l’anello con il sigillio comitale sarebbe stato reso ad ostilità ultimate.

Pier Giacinto Paribelli, nato il 29 novembre 1880 a Chiavenna (Sondrio), medaglia d’argento al Valor Militare alla memoria:
“Entrato per primo, alla testa del suo plotone, in una ridotta nemica, ne metteva in fuga i difensori. Nella successiva avanzata,
benchè fatto segno a colpi di arma da fuoco, si spingeva animosamente fra le rocce per stabilire la nuova posizione nemica,
rimanendo colpito a morte. Regione Albiolo (Trentino), 25 agosto 1915.

I fatti qui riassunti sono descritti con dovizia di particolari nella pubblicazione di Alberto Redelli “Fratelli. Domani sarà comandata… una grande azione…”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136