QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

PATT verso il congresso: accordo tra le tesi Panizza-Marchiori e Chilovi-Tamanini

mercoledì, 9 marzo 2016

Trento – Il PATT (Partito Autonomista Trentino Tirolese) si avvia al congresso, in programma domenica 13 marzo al Palarotari di Mezzocorona (Trento) con un accordo tra due tesi : è infatti stata trovata la sintesi tra i presentatori delle tesi che fanno riferimento alle candidature Panizza-Marchiori e a quella che fa riferimento a Chilovi-Tamanini.Pieno appoggio, quindi, alla riconferma di Franco Panizza alla segreteria politica e all’elezione del giovane Simone Marchiori alla vicesegreteria attraverso la piena condivisione di una linea politica.

In perfetta sintonia con l’attuale linea politica – come è stato illustrato in mattinata in conferenza stampa dal senatore Franco Panizza –  ”è stata individuata e condivisa la volontà di una Presidenza autorevole, capace di porsi al di sopra del dibattito politico, per garantire il rispetto di tutte le sensibilità presenti nel Partito”.  Sono state quindi individuate le figure di Carlo Pedergnana, attuale vicepresidente della Comunità Alto Garda-Ledro, alla Presidenza del Partito e di Linda Tamanini alla vicepresidenza.

Senatore Franco Panizza 1

Ecco i cinque punti dell’accordo:

- PATT come forza costitutiva e propulsiva del centrosinistra autonomista, interprete di quella funzione imprescindibile che spetta a una forza autonomista all’interno di una coalizione chiamata a governare una Provincia Autonoma;

- PATT come forza attivamente impegnata per la crescita del centrosinistra autonomista quale base politica e sociale per il buongoverno del Trentino, delle Comunità di Valle, della Regione e dei Comuni politicamente significativi, con la convinzione che, in questo particolare momento storico, è necessario il coinvolgimento di tutte quelle esperienze e sensibilità, non solo di carattere partitico, che si riconoscono nel centrosinistra autonomista e che sono portatori di una cultura politica sana e responsabile, in grado di rafforzare i valori dell’autogoverno, del protagonismo dei territori, della difesa e della valorizzazione della specialità della nostra autonomia.

- Conferma del valore strategico dell’alleanza storica con la SVP dal punto di vista politico e con la Provincia Autonoma di Bolzano in ambito istituzionale, come presupposto necessario e indispensabile per una efficace difesa della nostra autonomia e per l’affermazione del percorso politico-amministrativo finalizzato all’ampliamento delle competenze autonomistiche fino al raggiungimento di un’autonomia integrale;

- Pieno e convinto sostegno all’azione del Governo provinciale guidato da Ugo Rossi a cui va il merito d’aver messo in campo, già in questa parte della legislatura, importanti riforme sull’assetto istituzionale in materia urbanistica, sulla dirigenza, sul turismo, per scuola e il trilinguismo, in una cornice complessiva di riduzione dei costi e di maggiore efficacia, attraverso criteri che puntano a premiare il merito, ottimizzare le risorse e a incentivare così la crescita e lo sviluppo. A questi risultati s’aggiungono altri storici traguardi quali la regia del corridoio europeo del Brennero, attraverso la costruzione del tunnel di base e il rinnovo della concessione dell’Autobrennero. Ma anche l’opportunità rappresentata dalla Presidenza trentina dell’Euregio, in capo ad un autonomista, e lo strategico ruolo svolto, con l’ufficio comune di Bruxelles, per la MacroRegione Alpina, con l’obiettivo di esprimere al meglio la vocazione mitteleuropea del Trentino;

- conferma, assieme alla SVP e alle altre forze autonomiste dell’arco alpino, dell’alleanza che sostiene l’attuale Governo nazionale. Alleanza fondata su precisi punti programmatici, che, in questa legislatura, ha permesso da un lato di raggiungere importanti risultati quali l’intesa finanziaria con lo Stato nella Legge di Stabilità 2015 e dall’altro di blindare la nostra autonomia nel testo di riforma costituzionale che sarà sottoposto a referendum il prossimo autunno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136