QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Tonale: parcheggi a pagamento sul territorio trentino. Il sindaco Panizza: “Fase sperimentale”

martedì, 23 dicembre 2014

Passo Tonale – I parcheggi a pagamento al Passo Tonale – sul territorio trentino, quindi in Comune di Vermiglio – sono gli osservati speciali. Infatti le settimane natalizie e l’assalto da parte dei turisti  saranno determinanti per una valutazione complessiva del provvedimento adottato dall’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Anna Panizza (nella foto).

“Siamo in una fase sperimentale – dice il sindaco Anna Panizza – poi faremo una valutazione con tutti i soggetti interessati e a noi – che guidiamo il Comune – spetterà il compito di decidere”. “Domenica scorsa – prosegue – c’è stato un grande afflusso di vetture, anche per le manifestazioni sportive in programma e tutto è andato nel migliore dei modi”.

LA DECISIONE E I PRO E CONTROAnna Panizza sindaco Vermiglio1

Il provvedimento – dopo aver predisposto le strisce blu –  è stato introdotto una decina di giorni fa dall’Amministrazione comunale di Vermiglio e prevede che sui 150-160 posti auto vicino al Sacrario sia sul lato destro che su quello di sinistra si paghi due euro fino a quattro ore di parcheggio e tre per l’intera giornata. Inoltre dalle 2 alle 7 è vietata la sosta. I commercianti hanno già chiesto un incontro al sindaco Anna Panizza per chiedere di rivedere il provvedimento, lamentando un calo di attività.

“In questo periodo – dicono gli esercenti – abbiamo perso clientela e il provvedimento del Comune non ci aiuta”. Inoltre evidenziano i commercianti del Passo Tonale il parcheggio si paga solo sul territorio trentino e non su quello lombardo, quindi c’è il rischio di vedere un grande afflusso d’auto sul versante bresciano. “Noi – conclude il sindaco di Vermiglio – stiamo monitorando la situazione giorno dopo giorno e siamo pronti a intervenire. Il provvedimento è in un’ottica di razionalizzazione dei flussi e di sicurezza, soprattutto quando c’è la neve da ripulire”. Il periodo natalizio è quindi la prova verità. a gennaio la prima verifica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136