QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Tonale: neve rossa, colpo d’occhio eccezionale sulle piste da sci. Oggi altre precipitazioni

venerdì, 21 febbraio 2014

Passo Tonale – Neve rossa, un evento inconsueto che si ripropone ogni due-tre anni e che in questi giorni si è rivista sulle Alpi, con un singolare colpo d’occhio (nella foto sciatori in fuoripista zona Bleis). Conseguenza del fenomeno della “neve colorata”, ovvero sporca di sabbia. Un fenomeno particolarmente visibile in montagna, dove la coltre bianca di neve ha assunto a tratti sfumature marroncine e aranciate, più tipiche del Sahara che non delle Alpi. Secondo gli esperti a portare la sabbia africana oltre il Mediterraneo fino al centro Europa ha pensato lo Scirocco che fino a ieri soffiava da sud. “Le particelle di sabbia portate dai venti – spiega Alberto Trenti di Meteo Trentino – rimangono sospese e poi cadono con la neve e pioggia, un fenomeno abbastanza frequente e normale, visibile in particolare in montagna dove c’è la neve. A volte queste formazioni si hanno anche in assenza di piogge. In montagna assistiamo a fenomeni di questo tipo. Sulle Alpi è accaduto anche lo scorso anno e tre anni fa, un po’ più raro è vederlo in città”.

Se in città la pioggia “sabbiosa” ha lasciato una patina giallastra su strade e automobili, più marcato ma ad intermittenza è stato il fenomeno in quota. Le nevicate hanno infatti assunto, con un andamento alternato e a macchia di leopardo, una colorazione rossastra, seguita da neve bianca, da altra neve rossa e poi nuovamente bianca, un’alternanza che si spiega con l’arrivo a ondate delle nubi cariche diNeve rossa Tonale polveri di sabbia. L’aspetto “diversamente bianco” della neve tuttavia non è un problema – sempre secondo gli esperti – per chi sta trascorrendo una giornata sugli sci. il manto nevoso è stabile. 

Intanto si sta avvicinando una nuova perturbazione che porterà neve oltre i 1.200 metri. A quota 1.500 dalla serata e fino alla mattinata di domani sono previsti 20 centimetri di neve. Poi le previsioni indicano già da domani mattina un miglioramento sensibile e domenica una giornata soleggiata e fredda, l’ideale per una sciata, dopo settimane di precipitazioni. I comprensori sciistici sono perfettamente innevati e tutte le piste della Valle Camonica, Val di Sole e Pejo e Val Rendena percorribili con sci ai piedi. Il manto nevoso oscilla dal metro delle località sciistiche più basse ai 5 metri del Presena.

di Alberto Panzeri

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136