QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Passo Tonale, i carabinieri denunciano 45enne: “Con lo snowboard provocò valanga”

domenica, 10 aprile 2016

Passo del Tonale – Provocò una valanga, a qualche settimana di distanza viene denunciato dai carabinieri in servizio sulle piste del Passo Tonale. Il 24 marzo scorso, con la sua condotta imprudente, un 45enne aveva determinato il distacco di una valanga. I circa 50 metri di fronte nevoso, scesi lungo il pendio per circa 200 metri, avevano, per fortuna, soltanto lambito la pista Tonale Occidentale, zona Valbiolo del comprensorio Adamello Ski.carabinieri piste sci tonale

La corsa della massa di neve si era infatti arrestata a qualche decina di metri dal tracciato, dove, data l’ora, le 11.30, erano presenti centinaia di sciatori. La testimonianza di alcuni di loro ha portato la stazione carabinieri di Vermiglio e i militari in servizio in zona a individuare l’identità dell’incosciente snowboarder, che se l’era cavata senza conseguenze.

I militari avevano identificato lo snowboarder (ma non aveva ammesso le proprie responsabilità), nell’immediatezza dell’evento ed insieme ad altri “curiosi” fermatisi ad osservarne gli effetti, dalla pattuglia di carabinieri sciatori prontamente intervenuta su segnalazione di alcuni turisti.

Importante si è rivelata per i carabinieri la testimonianza di un operatore della ski area impegnato quel giorno presso l’impianto ubicato alla “partenza” del tracciato Tonale Occidentale. L’uomo, dalla sua posizione, aveva potuto attentamente osservare la condotta dello snowboarder il quale, da solo ed “a piedi”, aveva risalito il pendio sino a raggiungere la cima Tonale Occidentale (2500 metri d’altitudine). Inforcata la tavola da sci, “fuori pista”, aveva iniziato la discesa lungo il crinale, così finendo per determinare il distacco della slavina. Tutto sotto gli occhi di un gruppo di amici, i quali, più prudenti di lui (la bella giornata e le condizioni di neve fresca sconsigliavano assolutamente la pratica dello sci “fuori pista”), erano rimasti sul tracciato per poterlo osservare.carabinieri piste sci passo tonale

La posizione dello straniero (45enne nazionalità ceca) è stata posta al vaglio della  Procura di Trento. “Procurato valanga” , questo il titolo del delitto contestatogli, è un reato di pericolo.

La norma, in altre parole, non richiede espressamente il verificarsi di un pericolo concreto per l’incolumità pubblica. Solo una valutazione più attenta dell’episodio potrebbe ridimensionare le severe sanzioni per il reato: la pena va da 5 a 12 anni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136