QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Parco dello Stelvio: la decisione della Lombardia trova consensi in Trentino Alto Adige. Panizza (PATT): “Superato l’ultimo ostacolo”

sabato, 12 dicembre 2015

Trento – Il Parco dello Stelvio unisce le forze tra Lombardia, Trentino e Alto Adige. Il via libera della Regione Lombardia alla nuova gestione del Parco trova giudizi positivi nei tre territori.

Il senatore Franco Panizza, segretario politico del PATT e componente della Commissione dei Dodici, saluta positivamente l’approvazione avvenuta ieri, da parte del Consiglio regionale della Lombardia, del disegno di legge relativo all’assunzione della gestione della propria parte del Parco Nazionale dello Stelvio: “Con questo atto – commenta Panizza – è stato superato anche l’ultimo ostacolo giuridico ad una gestione autonoma del Parco, battaglia storica degli autonomisti trentini”.

“Trattandosi di una Regione a statuto ordinario – spiega Panizza – la Lombardia doveva recepire la succitata intesa con propria legge regionale. Per le Province autonome di Bolzano e Trento, invece, l’intesa relativa alle modalità per la gestione decentrata del Parco Nazionale dello Stelvio, raggiunta lo scorso febbraio tra il
Ministero dell’Ambiente, le due Province autonome e la Regione LomSenatore Franco Panizza 1bardia, è stata recepita con norma di attuazione, varata lo scorso venerdì dal Consiglio dei Ministri.

“Non appena la norma di attuazione e la legge regionale lombarda saranno state pubblicate in Gazzetta Ufficiale, potranno insediarsi i nuovi organi direttivi del Parco, il che avverrà molto probabilmente con l’inizio del prossimo anno”, conclude Panizza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136