QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Parco dello Stelvio, definite le nuove linee guida. Parolo e Theiner: “C’è un modello per le Alpi”

martedì, 24 gennaio 2017

Bormio – Nuove linee guida Parco dello Stelvio, soddisfatti l’assessore altoatesina Theiner e il sottosegretario lombardo Ugo Parolo: “C’è un modello per le Alpi”.

Dopo il via libera alle linee guida per la gestione autonoma, si parte con i lavori per il piano del Parco dello Stelvio. Nei giorni scorsi il comitato di coordinamento e indirizzo del Parco nazionale dello Stelvio, composto da rappresentanti di Stato, Regione Lombardia, Provincia di Bolzano, Provincia di Trento ed enti locali, ha approvato le linee guida per il piano e il regolamento della struttura. A rappresentare l’Alto Adige all’interno del comitato vi erano il sindaco di Martello Georg Altstätter e l’assessore provinciale Richard Theiner, il quale sottolinea che “il risultato raggiunto rappresenta il coronamento di una forte e intensa collaborazione fra tutte le parti coinvolte”.

stelvio strada parco

Guardando al futuro, Theiner spiega che “ora può iniziare una nuova era per il Parco nazionale dello Stelvio, ed entro la fine del 2017 verrà elaborato il piano di parco: il tutto, in stretta collaborazione con i comuni, la popolazione, il mondo del turismo e dell’agricoltura”. Secondo l’assessore provinciale, il documento rappresenterà “la cornice all’interno della quale costruire un modello di gestione sostenibile nelle Alpi. Il parco non dovrà più essere visto dalla popolazione come un corpo estraneo, ma come un’opportunità di sviluppo dell’intero territorio”.

PARCO STELVIO, PAROLO: APPROVATE LINEE GUIDA, PROMESSA MANTENUTA

“Il Comitato, che su delega del governatore Maroni ho l’onore di presiedere, ha approvato definitivamente le Linee Guida per la predisposizione del Piano e del Regolamento del Parco nazionale dello Stelvio. Si tratta di un atto fondamentale per poter far vivere il Parco ed è la prima significativa tappa di un percorso atteso sul territorio da quasi 90 anni”. A dichiararlo e’ Ugo Parolo, sottosegretario alla Presidenza di Regione Lombardia con delega ai Rapporti con il Consiglio regionale, Politiche per la Montagna, Macroregione Alpina (Eusalp), ai Quattro Motori per l’Europa e alla Programmazione negoziata, commentando l’approvazione, da parte del Comitato di Indirizzo e di Coordinamento del Parco nazionale  dello Stelvio, delle Linee Guida per il regolamento del Parco nazionale dello Stelvio.

FRUTTO DI UN GRAN LAVORO
“Questo risultato – continua Parolo - e’ frutto di un lavoro impegnativo costruito da zero e ottenuto in meno di sei mesi. Sono molto soddisfatto che sia stato approvato all’unanimita’ da parte di tutti i soggetti presenti al tavolo: il Ministero dell’Ambiente, le Province Autonome di Trento e di Bolzano, i rappresentanti dei Comuni e il rappresentante delle associazioni di protezione ambientale”.

IMPEGNO RISPETTATO
“Il Comitato di Indirizzo e di Coordinamento del Parco – sottolinea – si e’ insediato per la prima volta a Bormio il 29 giugno 2016, alla presenza del ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti e del presidente Roberto Maroni e, proprio in questa occasione, ci siamo presi l’impegno di concludere il percorso della definizione delle Linee Guida entro 6 mesi. Impegno che abbiamo completamente rispettato”.

LE LINEE GUIDA
“Le Linee Guida – chiosa il sottosegretario - garantiranno una nuova modalita’ di programmazione del Parco, assicurando l’unitarieta’ e il coinvolgimento diretto del territorio. Permetteranno di mettere in atto politiche di conservazione e di sviluppo sostenibile, con la partecipazione delle comunita’ locali, operando per garantire la conservazione di questo straordinario patrimonio e per salvaguardare il benessere delle popolazioni residenti”.

Firma Parco  Stelvio

PROSSIME TAPPE E NUOVO OBIETTIVO
“Questo – conclude Parolo – e’ solo il primo passo. Ora ci siamo dati un altro obiettivo sfidante: arrivare, entro 12 mesi, a chiudere il percorso di approvazione del Piano regolatore del Parco. Un atto necessario, che il Parco e le sue popolazioni attendevano dal 1935. Sara’ questa l’ennesima sfida che, sono sicuro, riusciremo a vincere anche grazie alla sinergia e alla straordinaria collaborazione con le associazioni, portatori d’interessi di questo vasto e prezioso territorio e con gli altri enti territoriali e locali”. (Nella foto l’atto costitutivo del nuovo Parco dello Stelvio).


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136