Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Ondata di maltempo in arrivo: attesa neve in quota. Le previsioni meteo

venerdì, 26 ottobre 2018

Passo Tonale – Tra poche ore un’intensa perturbazione atlantica sospinta da venti occidentali e alimentata da correnti meridionali raggiungerà l’Italia. Inizierà così una fase di maltempo che durerà almeno fino a lunedì 29. Il team del sito www.iLMeteo.it comunica che Sabato 27 il tempo peggiorerà gradualmente su tutte le regioni settentrionali con piogge via via più diffuse a partire dal Nordovest. Precipitazioni abbondanti  sono attese in Liguria e su tutto l’arco alpino e prealpino, entro sera peggiorerà anche al Centro. Domenica 28 situazione di forte maltempo sulla Pianura padana centro-settentrionale, su tutto l’arco alpino e prealpino dove sarà alto il rischio di frane e smottamenti; maltempo diffuso in Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna con possibili nubifragi sul grossetano e a Roma. Maltempo anche al Sud, specie sui settori ionici e in Sicilia. Venti di Scirocco via via più forti con mare da mosso a molto mosso o localmente agitato, con conseguenti mareggiate. Ma non è finita qui.

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che Lunedì 29 sarà la giornata peggiore con piogge incessanti e nubifragi su tutto il Nord, sulla Toscana, sul Lazio, poi anche sulla Campania. Piogge ma meno intense anche sul resto delle regioni. Venti di Scirocco ancora più forti e con raffiche fino a 120 km/h, mari agitati o localmente grossi, intense mareggiate sulle coste. Tornerà anche l’acqua alta a Venezia, Domenica 28 attesa fino a 110 cm, quindi con mare sostenuta, ma attenzione nella notte tra Lunedì e Martedì quando sarà eccezionale e fino a 165 cm di marea. In questa fase di maltempo le temperature subiranno un forte aumento di notte a causa dei venti più caldi sciroccali, di giorno caleranno di qualche grado, mentre la neve scenderà copiosa soltanto sopra i 1900-2000 metri di quota.

TRENTINO: PRECIPITAZIONI ABBONDANTI

Dalla mattina di domani, sabato 27, alla mattina di martedì 30 ottobre, tutto il territorio trentino, ma in particolare le zone meridionali, sarà interessato da intensi flussi umidi che porteranno precipitazioni abbondanti. La previsione è contenuta in un avviso diramato dal Dipartimento Protezione Civile – Servizio Prevenzione Rischi della Provincia autonoma di Trento.

E’ attesa una prima fase di precipitazioni intense tra sabato e domenica, nevose sopra i 2500 metri. Dopo un’attenuazione dei fenomeni si prevede una seconda fase intensa dal pomeriggio di lunedì con un calo della quota neve fino a circa 1800 metri. Questa seconda fase potrà essere accompagnata da rovesci o temporali con forti raffiche di vento. Sono attesi mediamente 150-200 millimetri di pioggia, con punte localmente superiori. Nevicate abbondanti sono previste in alta quota. Dai quadranti meridionali si attendono venti con raffiche superiori a 90 chilometri all’ora in alta quota. Nei fondovalle si prevedono raffiche di forte intensità perlopiù nella giornata di lunedì.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136