QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

MTB, Mondiali Master e Coppa del Mondo in Val di Sole: cinque campioni iridati testimonial. Già 500 iscritti

giovedì, 16 giugno 2016

Val di Sole – Cinque campioni iridati testimonial Mondiale Master Val di Sole: Pallhuber DeGasperi e Janes in pista con Moser e Fondriest a fare il tifo. Sono già cinquecento gli iscritti al Campionato del Mondo Uci Mtb Master Val di Sole 2016, nelle due specialità della Downhill e del Cross Country che si disputeranno in Trentino, a Vermiglio e a Commezzadura, dal 29 agosto al 4 di settembre, parallelamente ai Mondiali assoluti che tornano per la seconda volta in questa Valle ormai denominata Bikeland.MTB val di sole 00

A tenere a battesimo il Mondiale Master – per la prima volta ospitati in Italia – sono stati oggi a Trento cinque Campioni del Mondo, di cui tre saranno in gara con il numero 1: con i trentini Ivan Degasperi e Silvano Janes, ha assicurato la partecipazione anche il Dt degli azzurri Hubert Pallhuber. Di mezzo ci sono i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro dove Pallhuber guiderà la nazionale italiana (da sempre ospite per gli allenamenti in Val di Sole) ma nello sport, si sa, i miracoli non sono merce così rara. E fare il tifo per i tre campioni ci saranno altri due colleghi supercampioni: i trentini Francesco Moser e Maurizio Fondriest, che la maglia iridata l’hanno vestita su strada. E per la verità il “Checco” anche in pista.

Mtb Valdi Sole

L’evento è stato presentato nella sede di Trentino Marketing dal presidente esecutivo del Comitato Organizzatore, Aldo Bordati, con il presidente del Comitato nonché assessore al Turismo del Trentino Michele Dallapiccola e il segretario generale Sergio Battistini. Con i quattro campioni iridati – Fondriest assente giustificato perché si trova all’estero – erano presenti, tra gli altri, anche il presidente dell’Apt Val di Sole Luciano Rizzi, il presidente della Fci Trentino Dario Broccardo con il responsabile nazionale di settore Paolo Garniga, il presidente del Coni Trentino Giorgio Torgler, il presidente della Comunità di Valle di Sole, Guido Redolfi, l’assessore comunale allo Sport di Vermiglio, Nicola Andrighi, direttore delle Funivie Folgarida Marilleva Aldo Albasini, il vicepresidente del Consiglio regionale Ossana con il consigliere Baratter , Attilio Gregori ex direttore Apt e da sempre animatore del Mondo Mtb della Valle.

E’ toccato a Bordati e Dallapiccola evidenziare il valore dell’evento. E proprio l’assessore al Turismo e all’Agricoltura del Trentino ha declinato la valenza dell’evento: “I Mondiali della Valle di Sole rientrano in quell’azione di diversificazione basilare dell’offerta turistica del Trentino – ha detto Dallapiccola -, sia in chiave sportiva con le manifestazioni che abbracciano ormai tutte le discipline sia anche in chiave di proposta della nostra produzione agroalimentare”. Due mondi sinergici, insomma, perche chi pratica attività sportiva pretende di alimentarsi con prodotti genuini e naturali. Per l’appunto una importante carta in più che il Trentino può giocarsi per fidelizzare i propri ospiti. Dallapiccola ha poi chiarito “i Mondiali Val di Sole 2016 saranno all’insegna della sostenibilità. Non ci saranno strutture tali compromettere le nostre foreste in modo irreversibile. Si lavorerà nel modo meno invasivo possibile”.

“La prima maglia iridata va sin d’ora assegnata ai nostri cinquecento volontari che con la loro attività garantiranno il regolare svolgimento del doppio Mondiale – ha commentato il presidente del Comitato Organizzatore,  Aldo Bordati – A loro va tutto il nostro ringraziamento perché senza di loro nulla sarebbe possibile. E ancora una volta la nostra valle potrà brillare grazie al loro disinteressato impegno. Un grazie poi va alla mia squadra, alle dieci persone che mi affiancano in questa avventura.”

E certamente saranno giornate calde quelle previste dal 29 agosto al quattro di settembre sulle piste di Vermiglio. “Ho gareggiato in mezzo mondo – spiega Silvano Janes – e non potevo certamente mancare al Mondiale in casa. Si lo so avevo parlato di abbandono ma il mio ventesimo Mondiale in Trentino è imperdibile”. Per Ivan Degasperi l’impegno è di ripetere l’oro di due anni fa. “Lo scorso anno ad Andorra ho chiuso con l’argento – conferma il trentino – ma pedalare in casa e sperare di vincere da una grande carica. E’ emozionante e naturalmente ti carica anche di responsabilità. Ma l’appuntamento è da non perdere”. Resta il Dt azzurro. “E’ l’esordio del Mondiale Master in Italia – spiega – e l’idea di parteciparvi onestamente mi ingolosisce. Certamente ci sono dei problemi logistici ma nello sport siamo abituati a superarli. D’altronde i tracciai della Val di Sole li conosco molto bene dopo tutti gli anni che vi abbiamo svolto gli allenamenti con la nazionale azzurra. Sarò il primo a partire”. Scontata la battuta di Moser che ha chiarito di aver corso su strada, che ha suscitato il sorriso tra i presenti. Ma proprio la sua credibilità in campo internazionale aveva avuto un ruolo importante nel convincere l’UCI ad assegnare i Mondiali Val di Sole 2008, nonostante il Trentino non avesse mai ospitato una gara di Coppa del Mondo, ma solo competizioni di Coppa Europa.

E nel 2018 il trentino ospiterà un doppio Mondiale. Come ha ricordato Sergio Battistini “nel pacchetto iridato Val di Sole 2016 rivolto agli amatori fa parte di diritto anche la Val di Sole Marathon in programma il 28 agosto con partenza e arrivo a Malè, con due distanze di 35 e 65 chilometri. Il 5 settembre ospiteremo le gare di Coppa Italia giovanile. Un gara oltre 450 ragazzi, il futuro del nostro sport. Per questo quello dell’impegno verso i giovani è uno dei punti fermi della nostra attività. Il calendario del Mondiale Master prevede le competizioni nella settimana dal 29 agosto al 4 di settembre. Si gareggerà a Vermiglio per quanto riguarda le prove di Cross Country e a Daolasa per la discesa. Contemporaneamente sempre Vermiglio ospiterà le competizioni del Mondiali Trials. Il comitato organizzatore Grandi Eventi ha infatti optato per una edizione dei Mondiali interamente collocata nella natura della Val di Sole. Nel 2008 si gareggiò nei centri abitati della Valle, sfruttando le difficoltà esistenti o create artificiosamente. Stavolta sarà la natura a ispirare direttamente i tracciatori”. A fare da succosa anteprima ai Mondiali sarà l’arrivo della Transalp, previsto a luglio. Nei giorni che Dimaro ospiterà il ritiro della squadra calcistica del Napoli arriverà in Val di Sole (21-22 luglio). la più importante manifestazione europea Mtb, che anche quest’anno vedrà 1.200 biker di oltre 40 nazioni impegnati a pedalare per 600 chilometri, con oltre 19.000 metri di dislivello, lungo un tracciato che unirà idealmente le Alpi Bavaresi a quelle del Trentino.

In assoluto è la quarta volta che i Campionati del Mondo Uci Mtb vengono organizzati in Italia, esattamente 25 anni dopo l’esperienza del Ciocco, a cui nel 2005 seguì l’organizzazione di Livigno, prima del doppio impegno in Trentino, ma è la prima volta in assoluto dei Mondiali Master. E non è un caso se proprio la Val di Sole e il Trentino tengono a battesimo questa novità tricolore considerato che proprio in questa terra fa della pratica sportiva uno dei propri must sociali e turistici.

Per Luciano Rizzi, presidente dell’Apt e del Comitato 2008, i Campionati del Mondo Uci Mtb Val di Sole saranno un grande momento di spettacolo per gli appassionati Mtb ma anche occasione ideale per proporre una nuova offerta di vacanza. “Da quest’anno gli appassionati della Mtb troveranno 300 Km di nuovi tracciati a loro disposizione sia sul fondo valle, con la pista ciclabile ideale per neofiti e le famiglie – ha chiarito – sia con i nuovi tracciati in quota dedicati a chi ama la scoperta del territorio alpino nelle sue varie sfaccettature. I mondiali sono una vetrina importante per caratterizzare la Valle di Sole tra le destinazioni internazionali della Mountain bike”.

Nell’ambito dei Mondiali Master il vulcanico Pippo Marani (storico tracciatore della Downhill in val di Sole) sta organizzando una rentrée degli storici protagonisti della Mountain bike del periodo pionieristico, sia italiani e sia internazionali. E certamente non mancherà un omaggio a Steve Smith, il campione della Downhill deceduto a maggio all’erta di 26 anni nella sua città natale di Nanaimo, in British Columbia, a seguito di un incidente con la sua moto da enduro. Stevie Smith è stato vincitore della Coppa del mondo Dh 2013 assieme all’inglese Rechele Atherton, una delle storiche protagoniste sulla Black Snake. Nel 2013 finì terzo nella gara di Coppa del Mondo in Val di Sole.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136