Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Meteo, un’altra settimana di maltempo: le previsioni

lunedì, 5 novembre 2018

Ponte di Legno – Dopo il forte maltempo che ha colpito il Sud Italia, in particolar modo la Sicilia, ora il tempo sulle regioni meridionali tornerà a migliorare decisamente; non sarà così invece al Centro-Nord. Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che i prossimi sette giorni saranno caratterizzati dal transito di una serie di fronti perturbati che colpiranno in particolar modo il Nord e le regioni centrali tirreniche dove il tempo sarà spesso instabile e piovoso. Soltanto le regioni adriatiche centro-meridionali, le due isole maggiori e il resto del Sud vedranno un tempo più soleggiato. Neve a quote elevate, oltre i 2000 metri.

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it ci dice che per quanto riguarda le temperature, queste continueranno a misurare valori sopra la media del periodo in quanto venti più miti meridionali soffieranno su tutte le regioni. I valori notturni saranno quasi sempre sopra i 13-15°C, mentre quelli diurni saliranno di qualche grado, ma a stento supereranno i 20°C.

La situazione in Trentino

E’ in corso da ieri sera sul Trentino una fase perturbata in via di esaurimento. Meteotrentino evidenzia che a partire dal pomeriggio di oggi e fino a tutto mercoledì ci saranno piogge molto deboli, alternate a schiarite o a cielo coperto, ma senza precipitazioni significative. Fra ieri sera e stamattina sono caduti all’incirca tra i 25 ed i 35 mm di pioggia, con punte localizzate un po’ superiori. Per tutta la settimana in corso si profilano temperature stazionarie e ventosità non significativa.

Sul fronte della viabilità, da segnalare che la strada per il passo Valles è stata riaperta anche sul lato del bellunese, mentre proseguono i lavori di rimozione dei materiali ed il controllo dei versanti in varie parti del Trentino. Restano ancora 26 le strade interrotte da frane, esondazioni, smottamenti, schianto di alberi o per pericolo caduta massi.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136