Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Maltempo, strade chiuse in Val di Sole e Val Rendena

venerdì, 5 aprile 2019

Trento – La perturbazione che dalla tarda serata di mercoledì ha interessato il Trentino è in via di esaurimento. Le precipitazioni a carattere nevoso hanno riguardato in modo diffuso le aree a quote superiori ai 700 -1000 metri, con accumuli fino a circa 150 centimetri sui passi con maggiore altitudine del Trentino Occidentale, in particolare il Passo Tonale.

A causa dei rilevanti accumuli di neve, nella serata di ieri e durante la notte si sono registrate cadute di piante in alta Val di Sole, in Val di Fiemme e Fassa che hanno imposto la chiusura di alcune tratte stradali.

I mezzi per lo sgombero neve ed in particolare le frese e turbine saranno impegnate per buona parte della giornata per completare le operazioni di pulizia del piano viabile e l’allargamento della carreggiata lungo le arterie viarie a quote superiori ai 1000 – 1200 metri. Per questo si raccomanda di prestare attenzione.

Il dettaglio per ogni settore.

Strade sett 4 – TRENTO – MONTE BONDONE – PAGANELLA

Sono caduti fino a 60 cm sulla SP 85 in località Viote. Dopo il taglio di una pianta ad alto fusto in località Vaneze, la strada è stata riaperta ed è ripresa l’attività delle frese per completare gli allargamenti della carreggiata. Non si registrano problemi per la viabilità.

Strade sett 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata ha interessato la media ed alta Valle di Sole e l’Alta Valle di Non. Gli accumuli di neve hanno raggiunto circa 120 cm a Passo Tonale, 90 a Passo Campo Calo Magno, 70-80 cm a Marilleva 1400 e Pejo, 30-40 cm in Alta Val di Non.

Al momento sono chiuse per consentire il controllo ed il taglio delle piante instabili la SS 239 di Campiglio nel tratto tra Folgarida e Passo C.C. Magno e la S.S. 42 tra Vermiglio e Passo Tonale.

La S.S. 42 è chiusa anche nel tratto compreso tra gli innesti della S.P. 19 di Ruffrè per caduta piante. Il traffico sulla relazione Ronzone Passo Mendola è deviato attraverso la S.P. 19 di Ruffrè. Da segnalare anche alcuni smottamenti in bassa Val di Non, con puntuali restringimenti di carreggiata.

A causa dell’abbondante nevicata per buona parte della giornata saranno in attività i mezzi per lo sgombero neve ed in particolare le frese e turbine saranno impegnate per buona parte della giornata per completare le operazioni di pulizia del piano viabile e l’allargamento della carreggiata. Non si registrano particolari problemi per la viabilità.

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato l’alta Val Rendena e le zone più in quota delle Giudicarie Esteriori (Passo Durone).Sono caduti circa 80-90 cm nella zona di Madonna di Campiglio;  5-10 cm in località Passo Durone. Non si registrano particolari problemi per la viabilità.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA

La nevicata ha interessato solo le strade più in quota e cioè la parte della S.P. 127 nella zona di Tremalzo, dove gli accumuli di neve fresca hanno raggiunto i 50 cm. Non si registrano problemi per la viabilità.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Al Passo Rolle sono caduti 90 cm, al Passo Brocon 40 cm come al Passo Cereda, quota neve 750 metri. Passo Brocon chiuso per pericolo valanghe dal km 24+600 al passo (lato Vanoi). Permane la chiusura del Passo Rolle per pericolo valanghe da San Martino di Castrozza (km 87 circa) al passo. Si raccomanda l’utilizzo di attrezzatura da neve.

Si rammenta la chiusura della S.P.31 del Passo Manghen dal km  14+400 a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520). Si segnala la formazione di buche lungo la SS 47 della Valsugana.

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Nella notte nevicate fino a 800 m (più in basso pioggia). Sui passi dolomitici caduti fino a 100 cm, la neve è pesante ed il transito sui passi rimasti aperti è difficoltoso. Sulla SP 71 tra Scancio e Segonzano (km 15 circa) a causa di un piccolo smottamento si transita a senso unico alternato.

Il Passo Lavazè (SS 620) precedentemente chiuso è stato riaperto fino al passo ma permane la chiusura sul lato Bolzano per pericolo caduta sassi.

Riaperta tutta la SS 48 fino a Canazei precedentemente chiusa in prossimità di Soraga per caduta piante. Passo Pordoi e Passo Sella chiusi da Canazei, Passo Fedaia chiuso da Penia (Canazei). Passo Valles chiuso per pericolo caduta piante.

Permane la chiusura del Passo San Pellegrino lato Veneto per pericolo valanghe.

Si raccomanda l’utilizzo di attrezzatura da neve.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136