QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Comunità Val di Sole, via libera ai progetti delle piste ciclopedonali Ossana-Tonale e Val di Rabbi

mercoledì, 9 novembre 2016

Malé – La Comunità Valle di Sole, presieduta da Guido Redolfi, ha approvato i progetti per la realizzazione e il completamento delle piste ciclopedonali da Ossana al Passo Tonale e della Valle di Rabbi. I due progetti, dal costo complessivo di 6 milioni, erano stati avviati la scorsa primavera, con l’affidamento dei primi incarichi e sono giunti a conclusione ieri. “E’ un sogno che si avvera – afferma il presidente Guido Redolfi (nella foto sotto) -. Il nostro obiettivo è creare una pista ciclopedonale che unisca la Val di Sole e le altre valli, in particolare la Val di Rabbi e Cologo a Pejo”.

“Molte zone – aggiunge Redolfi – sono già servite da piste ciclopedonali e apprezzate da turisti e residenti, ma noi intendiamo completare un progetto che unisca tutta la  Val di Sole, anzi l’Alta Val di Non al Tonale, quindi le valli laterali e creare un’attrattiva unica a livello turistico”. Attualmente la pista ciclabile collega Caldes a Pellizzano e in val di Pejo arriva fino a Cogolo.

Guido Redolfi1

Dopo l’approvazione dei progetti si passerà alla fase operativa, per arrivare nella primavera del 2017 all’iter dell’appalto e apertura dei cantieri. Le opere – visto che il costo complessivo dell’ampliamento della pista ciclabile da Ossana al Tonale e in val di Rabbi è attorno ai 6 milioni di euro – saranno realizzate in tempi diversi.

Il percorso da Ossana al Tonale è di 18 chilometri, la prima parte utilizzerà i sentieri già esistenti, valorizzandolo anche dal punto di vista turistico l’area dove attualmente sono in corso lavori di disboscamento a Ossana. Quindi il primo lotto funzionale sarà tra Fucine e i laghetti di Vermiglio, poi proseguirà fino a Velon, infine la salita al Tonale con la creazione di nuovi tratti di pista. L’intervento della val di Rabbi partirà da Malé e nella vallata dovranno essere realizzati nuovi tracciati. I costi dei due progetti sono attorno ai tre milioni a testa.

“Il nostro impegno – conclude Guido Redolfi – è stato ribadito anche ieri nell’approvazione dei progetti della pista ciclopedonale: intendiamo offrire servizi innovativi a residenti e turisti, nel rispetto dell’ecosistema. In quest’ottica i nostri progetti sono all’avanguardia e valutati con grande attenzione”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136