QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

In Trentino crescono i reati scoperti di Carabinieri. Il bilancio tracciato dal colonnello Graziano. Dati e riconoscimenti

sabato, 6 giugno 2015

Trento – Cresce l’attività di controllo dei carabinieri del comando provinciale di Trento e i reati scoperti. Nel periodo 1 giugno 2014 – 31 maggio 2015, i carabinieri hanno perseguito 13.746 reati, su un complessivo di 16.886, pari all’81% della delittuosità denunciata in tutta provincia, con circa 3.400 persone denunciate e 246 arrestate, di cui 185 in flagranza di reato e 61 su ordine dell’autorità giudiziaria. A fronte di una diminuzione dei reati denunciati, vi è un aumento di reati scoperti, pari al 19,7%, contro il 17,8% dei reati scoperti relativi allo stesso periodo dell’anno precedente.Comandante provinciale carabinieri Trento, Maurizio Graziano

I dati sono stati illustrati  dal comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Maurizio Graziano, nel corso della cerimonia del 201° di fondazione dell’Arma dei carabinieri, tenutasi a Trento nella caserma di via Barbacovi, alla presenza delle massime autorità civili e militari del Trentino. Nell’ultimo anno – ha spiegato il colonnello Graziano – si è registrato un consistente calo dei furti denunciati, in generale del 25,5%, del 34,4%, invece, quelli in abitazione, “che potrebbero ancora diminuire laddove venissero sempre ascoltati i tanti suggerimenti e consigli che continuiamo a dare in occasione dei tanti incontri che le amministrazioni comunali ed altri enti organizzano con le comunità varie”.

Sono quasi 23mila sono state le richieste di intervento pervenute al numero di emergenza “112″ e gestite dalle 6 centrali operative. I servizi di pattugliamento e perlustrazione sono stati 43.338 (+ 5% rispetto allo scorso anno), pari a una presenza media giornaliera di 119 equipaggi. Nell’attività antidroga i carabinieri hanno arrestato 96 persone e ne hanno denunciate 72, sequestrando circa 185 kg di sostanze stupefacenti di vario tipo. Le persone denunciate per guida in stato di ebbrezza e guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti sono state 553.

GLI ENCOMI 

Ecco gli encomi consegnati ai militari dell’Arma con l’elenco dei premiati alla festa dell’Arma 2015.

Provincia Trento

Encomio del comandante della legione “taa” concesso a:

Capitano Alessandro Firinu, mar.a.s. ups Gennaro Arpaia, mar.a.s. ups Luca Quaggiotto, mar.a.s ups Cristian Leonardi e app. sc. Fabio Vescera, comandante ed addetti al nucleo investigativo di comando provinciale unitamente a comandante di stazione distaccata, partecipavano a complessa attività di indagine che consentiva di identificare e trarre in arresto il responsabile di un efferato omicidio.
Madonna di Campiglio e Verona, agosto – ottobre 2013.

Encomio del comandante della legione “taa” concesso a:

Mar.a.s. ups Gennaro Arpaia, mar.ca. Michele del Negro, brig. Eliseo Cossu, vice brigadiere Marcello Simone, vice brigadiere Marco Proietti, personale addetto a nucleo investigativo di comando provinciale, conduceva complessa attività investigativa nei confronti di un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti di rame ed altri materiali. l’operazione si concludeva con l’emissione di 20 provvedimenti restrittivi ed il deferimento all’a.g. di ulteriori 10 persone.
Trento ed altre località del nord italia, luglio 2012 – novembre 2013.

Encomio del comandante della legione “taa” concesso a:

Mar.a.s. ups Domenico Postai, mar. ca. Fabiano Bisoffi, brig.ca., ora in congedo, Fabrizio Bazzani, app. Michele Russo e app. Daniele Fasolato, addetti a norm di compagnia distaccata, fornivano determinate contributo a complessa attività d’indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale dedito a furti in abitazione, con l’arresto di cinque persone, le denuncia di altre nove ed in sequestro di diversi monili in oro. villalagarina, rovereto, novembre 2013 – aprile 2014.

Encomio del comandante del comando cc per la tutela della salute concesso a:

Mar.ca. Carlo Malacalza e app. sc. Roberto Dalla Corte, già addetti a nucleo antisofisticazioni e sanità, fornivano determinante contributo a complesse indagini che consentivano la disarticolazione di un’organizzazione criminale dedita all’illecita inportazione, detenzione e vendita di farmaci ad effetto dopante e al commercio di specialità medicinali pericolose per la salute pubblica. l’operazione si concludeva con 14 provvedimenti restrittivi, la denuncia in stato di libertà di 3 persone e il sequestro di farmaci ad azione anabolizzante per 300 mila euro.
Territorio nazionale, giugno 2011 – maggio 2012

Encomio del comandante della legione “Taa” concesso a:

Luogotente Massimiliano Ronzani, mar. aiutante Alberto Puppi, maresciallo capo Fabrizio Tramontana, brigadiere Andrea Rroda e appuntato Luca Desiderato, comandante e addetti a norm di compagnia distaccata, fornivano determinate contributo a complessa attività d’indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico di sostanze stupefacenti, con l’arresto di nove persone, le denuncia di altre diciassette ed il sequestro di droga. provincia di trento, maggio – agosto 2014.
Eencomio del comandante della legione “Taa” concesso a:

Capitano Alessandro Firinu, mar. aiutante Gennaro Arpaia, mar. aiutante Luca Quaggiotto, mar. capo Michele del Negro, brig. Eliseo Cossu, vice brig. Marco Proietti e appuntato scelto Roberto Porcu, comandante ed addetti a nucleo investigativo di comando provinciale, conducevano complesse indagini che consentivano la disarticolazione di un sodalizio criminale dedito a furti, rapine e riciclaggio di autovetture. l’operazione si concludeva con l’arresto di 9 persone ed il sequestro di fi beni provento dell’attività illecita per un valore di 600.000 euro.
San Michele all’Adige Gennaio – agosto 2013.
Encomio del comandante della legione “taa” concesso a:

App. Stefano Menestrina, addetto a stazione distaccata, con spiccato spirito d’iniziativa non esitava a soccorrere una giovane che, in preda ad una crisi depressiva, stava per gettarsi da un ponte, riuscenso a bloccarla ed a scongiurare più gravi conseguenze.
Comano Terme, 18 novembre 2013.

Encomio del comandante della legione cc “Veneto” concesso a:

App. Daniele Polli, all’epoca dei fatti addetto al aliquota radiomobile di compagnia capoluogo operante in territorio particolarmente sensibile sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza publbica, interveniva, unitamente ad altri militari, a seguito di efferata rapina ai danni di una donna e delle due figlie minorenni, riuscendo a rintracciare ed arrestare i due autori, risultati pericolosi pregiudicati di origine romena.
Verona 16 novembre 2012.
Elogio del comandante della legione “taa” concesso a:

Vice Brigadiere Nello Carlin ed app. sc. Emilio Lucchetta, addetti al norm aliquota radiomobile di compagnia distaccata, partecipavano con continuità e senza risparmio di energie, a molteplici attività istitutzionali del reparto, costituendo sicuro punto di riferimento nel vitale settore indfromativo ed apportando decisivi contributi nel contrasto ai reati contro il patrimonio ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, riscuotendo l’incondizionato plauso dell’autorità giudiziaria e della popolazione locale.
Riva del Garda 2012 – 2014.

Elogio del comandante della legione “Taa” concesso a:

Mar. aiutante Cristian Leonardi, comandante di stazione distaccata, dando prova di perseverante impegno, esemplare dedizione al servizio ed elevata professionalità, partecipava con continuità e senza risparmio di energie a molteplici attività istituzionali del reparto, costituendo sicuro punto di riferimento, riscuotendo l’incondizionato plauso di autorità istituzionali, politiche, giudiziarie, militari e della popolazione locale.
Madonna di Campiglio gennaio 2013 – dicembre 2014.

Elogio del comandante della legione cc “Taa” concesso a:
Luogotenente Meggio Alberto, con altissimo senso del dovere ed elevata competenza, ha partecipato con continuità e senza risparmio di energie alle molteplici attività istituzionali del comando, offrendo alla scala gerarchica costante e preziosa collaborazione. animato da sentimenti di sana e pragmatica inziativa, cui associa un’ottima capacità di relazione, ha riscosso unanimne considerazione ed apprezzamento, contribuendo significativamente al raggiungimento degli obiettivi istituzionali e costituendo esempio per i colleghi più giovani.
Trento 1 gennaio 2013 – 31 dicembre 2014

compiacimento del comandate interregionale cc “Vittorio Veneto”, concesso a:

Luogotenente Dobbo Diego, comandante di stazione distaccata, particolarmente distinto nel suo delicato incarico conseguendo brillanti risultati operativi che hanno contribuito a mantenere alto il prestigio dell’istituzione, rendendolo sicuro punto di riferimento per il cittadino e le istituzioni locali.
Padova 5 giugno 2015


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136