QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

In crescita l’attività degli agenti della Polizia di Stato sulle piste del Passo Tonale. Interventi e contravvenzioni

mercoledì, 31 dicembre 2014

Passo Tonale – Gran lavoro per gli agenti della Polizia di Stato in servizio sulle piste del Passo Tonale. In questo periodo di grande afflusso dei turisti è cresciuta l’attività e dall’inizio della stagione – scattata il 6 dicembre scorso – sono più di 100 gli interventi, un numero superiore rispetto al medesimo periodo del 2013.

Sono cinque gli agenti della Polizia di Stato in servizio al Tonale: addestrati presso il centro addestramento alpino della Polizia di Stato di Moena dove sono stati abilitati all’uso dei defibrillatori portatili esterni e alla rianimazione cardiopolmonare.

Quotidianamente il personale di Polizia svolge attiviPolizia soccorso pistetà di controllo, vigilanza, prevenzione e repressione delle condotte illecite sulle piste sciistiche, intervenendo inoltre per i rilievi, finalizzati alla ricostruzione della dinamica dei sinistri, oltre che per prestare il primo soccorso in caso di incidenti e per garantire l’atterraggio in pista dell’eliambulanza.

IL SALVATAGGIO

Gli agenti di polizia hanno soccorso e salvato un 50enne, turista straniero, colpito da una crisi epilettica. E’ accaduto venerdì 12 dicembre quando è giunta una richiesta di soccorso per una persona  in crisi epilettica all’esterno dalla Malga Valbiolo, ed una seconda chiamata che riferiva che il soggetto aveva perso conoscenza e che era iniziata la sua rianimazione cardio polmonare con tecniche manuali, riferendo di necessitare di un defibrillatore.

Gli operatori della Polizia di Stato, essendo a perfetta conoscenza della dislocazione di tali presidi sanitari sul territorio, hanno raggiunto l’uomo, reperendo immediatamente un DAE presso la reception di un hotel del Passo, trasportando una bombola d’ossigeno e quant’altro fosse di utilità allo scopo e celermente con la motoslitta di servizio sono arrivati in loco coinvolgendo il Medico dell’ambulatorio turistico. Nel frattempo era stato allertato il 118 che aveva disposto l’invio di un’eliambulanza, atterrando sulla confluenza di due piste da sci di notevole ampiezza.

Per chiudere efficacemente le piste, al fine di predisporre adeguatamente e in sicurezza l’area di atterraggio del velivolo, ottenendo la preziosa e solidale collaborazione del Reggimento Trasmissioni Alpini della caserma “Vittorio Veneto” di Bolzano, che erano impegnati in attività esterne, e del corso maestri della Regione Lombardia. Al termine delle operazioni, durante le quali il turista originario dell’Est Europa, ha ripreso più volte le funzioni vitali per poi ritornare nuovamente in stato di arresto cardio-circolatorio, poi dopo aver stabilizzato il paziente, l’eliambulanza è ripartita in direzione del nosocomio di Trento dove è stato ricoverato.

GLI INTERVENTI

In questi giorni sono stati numerosi gli interventi in pista (gli agenti della Polizia di Stato operano al Passo Tonale fino alla Tonalina e stazione intermedia della cabinovia Ponte di Legno- Tonale) per cadute e contusioni varie. I numeri sono superiori di un buon 30% allo scorso anno, mentre i controlli sono stati intensificati. Infatti la prevenzione è fondamentale: il casco è obbligatorio fino a 14 anni e nel fuori pista o snow park per sciatori. Le sanzioni – oscillano tra 25 e 50 euro – hanno finora interessato due persone. L’attività degli agenti della Polizia di Stato proseguirà fino al termine della stagione, nel mese dei aprile 2015.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136