Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Il Sacrario del Passo Tonale ospita “A piedi nudi – 100 anni dalla fine della guerra”

venerdì, 10 agosto 2018

Passo Tonale - Il Sacrario Militare del Tonale ospiterà domani, sabato 11 agosto, alle ore 14 l’ultimo appuntamento con “A piedi nudi – 100 anni dalla fine della guerra”, la visita teatralizzata a cura del coreografo israeliano Sharon Fridman che ha debuttato con grande risposta del pubblico martedì presso la Campana della Pace di Rovereto ed è stata ripetuta in Piazza Dante a Trento. Lo spettacolo è incluso nel cartellone della quarta edizione di Sentinelle di Pietra.

Luogo di grande suggestione a livello simbolico, per quello che rappresenta quale testimonianza e ricordo dei caduti della Prima guerra mondiale, il Sacrario Militare del Tonale, a 1884 metri di quota, fu eretto negli anni ’30: in esso sono custodite 847 salme di caduti italiani, 50 dei quali ignoti. Il cuore del Sacrario è costituito da una cripta a pianta quadrata, lungo le cui pareti sono disposti i loculi con le spoglie dei soldati caduti. Al centro, un altare e le statue di Cristo Risorto e della Vergine in preghiera.

Giovedì il Sacrario accoglierà gli artisti della Compagnia Sharon Fridman che mettono in scena lo spettacolo “A piedi nudi – 100 anni dalla fine della guerra”, spettacolo che fonde arte, danza e ricostruzione storica. Artista di fama internazionale, già conosciuto per il progetto Rizoma che aveva scandito la ricorrenza della Prima guerra mondiale alla Campana dei Caduti nell’edizione 2014, Fridman propone uno spettacolo per celebrare al tempo stesso il centenario della fine della Grande Guerra e la forza vitale delle donne che contribuirono alla ricostruzione fisica ed emotiva del dopoguerra. “A piedi nudi” propone in scena, oltre alla danzatrice protagonista Melania Olcina e al fisarmonicista trentino Walter Filippini, anche sessanta performer volontari provenienti da tutta Italia.

Sentinelle di Pietra, giunta alla quarta edizione, è un’iniziativa promossa dal Servizio attività culturali della Provincia autonoma di Trento e curata dal Centro servizi Santa Chiara e dalla Fondazione museo storico del Trentino e coinvolge 19 fortificazioni distribuite sull’intero territorio provinciale con eventi culturali, momenti di riflessioni, rappresentazioni musicali, teatrali ed artistiche in un cartellone molto ricco che si concluderà domenica 16 settembre a Forte Garda.

Per restare sempre aggiornati sul programma di Sentinelle di Pietra, consultare i calendari, avere una preview degli appuntamenti, è possibile consultare i canali Facebook (@museostorico, @sentinelledipietra @arteforte) e Instagram (@Sentinelle di Pietra) o i siti web: www.museostorico.it www.trentinograndeguerra.it www.valdisole.net


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136