QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Il film “Non avere paura, un’amicizia con Papa Wojtyla” presentato nella sede Rai di Roma

mercoledì, 23 aprile 2014

Val Rendena – Una parte del film su papa Wojtyla è stato girato in Val Rendena. Oltre all’Adamello, il Presena e la zona bresciana una parte del viaggio sull’Adamello del Papa polacco è stato girato in Trentino. Andrà in onda domenica alle 21.30 su Rai Uno, realizzato in collaborazione con Trentino Turismo e Promozione e Trentino Film Commission

Infatti il 27 aprile, in occasione della Beatificazione, RaiUno trasmetterà  il film-tv “Non avere paura, un’amicizia con Papa Wojtyla”, che racconta il rapporto di Giovanni Paolo II con il Trentino. Il film, girato la scorsa estate fra le nevi dell’Adamello e i paesi delle Giudicarie e della Val Rendena, è diretto da Andrea Porporati con un cast internazionale che comprende l’attore russo Aleksei Guskov nel ruolo di Papa Wojtyla, Giorgio Pasotti nei panni di Lino Zani, Claudia Pandolfi che interpreta Angela Tonati, Ugo Dighero, Giuseppe Cederna e con la partecipazione straordinaria di Katia Ricciarelli. Una produzione De Angelis Media, in collaborazione con Rai Fiction, Trentino Turismo e Promozione e Trentino Film Commission.

LA PRESENTAZIONE

Si è tenuta a Roma presso la sala degli Arazzi della sede Rai di Viale Mazzini la conferenza stampa (nella foto sotto) di preFilm Papa Presenasentazione di “Non avere paura, un’amicizia con Papa Wojtyla”, film tv diretto da Andrea Porporati alla presenza del regista e dei protagonisti. Guido De Angelis, nel corso della conferenza, ha commentato: “I luoghi in cui questa storia è ambientata sono meravigliosi, in Italia ci sono tanti posti da scoprire e il supporto delle locali film commission lo rende possibile”. Sulla stessa linea il regista Porporati: “Sul piano artistico vi posso dire che abbiamo avuto il raro privilegio di poter girare il film esattamente nei luoghi veri degli eventi, ad eccezione dell’Everest naturalmente. Da questo punto di vista Trentino Film Commission ci ha aiutati moltissimo, perché inizialmente ero molto preoccupato per la logistica di questa produzione: spostare 60 persone a piedi nella neve portando pesanti materiali è sicuramente complicato, ma ci siamo riusciti grazie al forte sostegno del Trentino che ci ha fornito servizi e infrastrutture”.

“Non avere paura, un’amicizia con Papa Wojtyla”, è dedicato a Wojtyla e al suo rapporto con la montagna. Il film è liberamente ispirato al libro “Era santo, era uomo” di Lino Zani con Marilù Simoneschi.

Lino Zani, giovane maestro di sci e alpinista, conobbe il Papa polacco nel 1981. In quell’anno infatti la famiglia di Zani, che gestiva un rifugio alpino tra le vette dell’Adamello, riceve una visita inattesa e straordinaria: Karol Wojtyla. Insieme al Papa arriva anche un suo caro amico: il presidente della Repubblica italiana, Sandro Pertini. La visita, che doveva rimanere segreta per volere dei servizi di sicurezza, diviene presto un’occasione di incontro con la popolazione della montagna, che li avvolge con il proprio affetto.

La vacanza finisce. Forse finirebbe anche l’amicizia fra Lino ed il Papa, se il ragazzo non scegliesse di consegnare a Wojtyla alcune foto private, scattate sull’Adamello, invece di venderle ad un giornale di gossip che gli ha offerto centinaia di milioni di lire per poterle pubblicare. Sono normalissime foto del Papa che scia, o che si intrattiene con piccoli gruppi di fedeli, o che, solitario, medita e prega sulla vetta della montagna. Ma proprio perché così semplici e comuni, Lino sa che si tratta di immagini davvero private. Da questo momento, il rapporto fra Lino ed il Papa diventa quasi quello fra un figlio che cerca la verità ed il padre che indica la strada.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136