QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Forte Strino di Vermiglio, mostra personale di Lanaro

lunedì, 22 luglio 2013

Vermiglio-  Grande successo sta raccogliendo nelle prime giornate di apertura la personale di Federico Lanaro dal titolo «Un’aquila non ha bandiera», allestita nella splendida cornice del Forte Strino a Vermiglio, in alta Val di Sole. La rassegna conta su una ventina di opere realizzate sulla struttura del Forte.

Collocato a metà strada tra Vermiglio e il Passo Tonale, con davanti le cime del gruppo Presanella, il Forte ha rappresentato il sistema difensivo austroungaforte_strino_foto_L.Brentaririco fino alla Prima Guerra Mondiale. La prima costruzione risale al 1860-61, con ampliamento nel 1891. Visitandola si scorgono delle curiosità dell’epoca, ad esempio era di fatto autonoma, dotata di impianto di adduzione idrica, forno per pane, generatore di corrente elettrica e telefono.

La mostra, che raccoglie una ventina di opere realizzate appositamente per il luogo, è il proseguo di pluriennale attività espositiva che coinvolge la struttura fortificata contaminando uno spazio forte caratterizzato dalla presenza di cimeli e memorie della guerra con la ricerca contemporanea.

Sono i concetti di identità e di doppio da cui Lanaro, nato a Mori nel 1979, laurea all’Accademia delle belle Arti di Bologna nel 2004,  è partito mettendo a confronto due degli elementi visivi fondanti del forte: la bandiera e la presenza delle aquile. La bandiera incarna la storia stessa della struttura di Forte Strino, essendo esso stesso stato costruito dagli austriaci nella seconda metà dell’Ottocento a baluardo e difesa del territorio dai tentativi di espansione italiana, e sarà ceduto all’Italia dopo la Grande Guerra. Invece l’aquila è emblema di libertà e di visione dall’alto. E’  uno degli animali usati in numerose culture come simbolo di potenza e di aspirazione alla grandezza (aspetto rafforzato dalle ali dispiegate). Frequentemente, unita ad altri colori, è usata nelle bandiere per rappresentare l’identità di una nazione, territorio e popolo.

 

La personale di Federico Lanaro è aperta fino al 29 settembre – Forte Strino Vermiglio

Orario: 9.30 – 12.30 / 14.30 – 17.30

Dal 20/7 al 31/8 orario continuato 9.30 – 18.30

Info: tel. e fax 0463 758200 – 0461 26253


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136