Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Dall’Adamello spuntano 90 proiettili della Prima Guerra Mondiale. Recuperati dagli artificieri

martedì, 29 settembre 2015

Germenega - Il Gruppo artificieri alpini, grazie a ritiro del ghiacciaio, ha ritrovato oltre 90 proiettili da 75 millimetri, di fabbricazione italiana, risalenti alla Prima Guerra Mondiale. Le armi sono state recuperate dagli artificieri del 2° Reggimento genio guastatori alpini di Trento sulle montagne del Parco naturale dell’Adamello, in val Rendena.

Il materiale bellico è venuto alla luce in conproitilli adamelloseguenza del ritiro di ghiacciai e nevai, fenomeno ormai sempre più frequente.

Da Spiazzo, i militari sono stati trasferiti in quota con un elicottero messo a disposizione dalla Provincia autonoma di Trento. Qui gli operatori Eod (Explosive Ordnance Disposal) della Brigata alpina Julia hanno provveduto a riconoscere e mettere in sicurezza il materiale bellico.

L’operazione è stata eseguita assieme ai carabinieri della Stazione di Spiazzo, i guardia-parco locali, la Croce Rossa Italiana e in coordinamento con la Prefettura di Trento e il Comando Forze di Difesa Nord di Padova.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136