Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Alta pressione trappola sull’Italia: nebbia e inquinamento

giovedì, 27 dicembre 2018

Passo Tonale – Un immenso campo di alta pressione oltre a dominare l’Europa continua a proteggere anche l’Italia. Ma se in Estate la sua presenza significa caldo e sole, in Inverno non è sempre così. Infatti il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che almeno fino a Capodanno l’alta pressione continuerà a dominare l’Italia ma con conseguenze non proprio belle, almeno per quanto riguarda alcune zone. Sulla Pianura padana sarà la nebbia o le nubi basse e cielo coperto a prevalere per gran parte del giorno, soltanto oltre i 3-400 metri si potrà tornare a vedere il sole. Nebbia anche in Toscana, Umbria e localmente sulla Sardegna e nel Lazio sul viterbese.  Con la nebbia e l’assenza di vento, gli agenti inquinanti rimarranno sospesi  nella bassa atmosfera con aumento dell’inquinamento e dei rischi per la salute (alte vie respiratorie) e inoltre le temperature rimarranno basse con valori sotto i 5-6°C di giorno. Dove non ci sarà la nebbia il sole splenderà incontrastato con temperature che saliranno oltre i 10-15°C.

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it ci dice che tra la fine dell’anno e Capodanno potrebbe arrivare aria più fredda da Nordest che però dovrebbe interessare maggiormente il Sud; invece in anteprima nazionale Sanò annuncia l’irruzione di venti gelidi artico-continentali a partire dal 3-4 Gennaio, presagendo un’Epifania all’insegna del gran freddo e della neve fino in pianura su molte regioni.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136