Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


ProWein 2019: Trentodoc agli award di Meininger Verlag e Masters of Wine

martedì, 5 marzo 2019

Quando:
17 marzo 2019@13:45–19 marzo 2019@14:45 Europe/Rome Fuso orario
2019-03-17T13:45:00+01:00
2019-03-19T14:45:00+01:00

Trentodoc parteciperà a ProWein 2019, in programma dal 17 al 19 marzo a Düsseldorf: due i momenti che lo vedranno presente, nell’ambito di una delle manifestazioni internazionali di maggior rilievo dedicate al mondo del vino.

Le più importanti personalità e gli operatori del mondo vino saranno a Prowein il 16 marzo durante la manifestazione “Meininger Award” organizzata dall’editore Meininger Verlag, specializzato nella pubblicazione di periodici nel settore vinicolo. Per questa occasione, verranno esposti i campioni delle 51 case spumantistiche associate e il momento del benvenuto verrà affidato a Trentodoc.

A seguire durante l’ultima serata, lunedì 18 marzo, le bollicine di montagna saranno presenti all’evento dei Masters of Wine, che ogni anno organizzano una delle premiazioni più importanti di ProWein: il “Winemakers’ Winemaker Award”. Il premio, giunto alla nona edizione è stato introdotto nel 2011 per valorizzare le personalità che hanno ottenuto importanti risultati nel campo della produzione vinicola, giudicati da una commissione dei MW composta da produttori e dai precedenti vincitori, ovvero Peter Sisseck, Peter Gago, Paul Draper, Anne-Claude Leflaive, Egon Müller, Àlvaro Palacios, Eben Sadie e Jean-Claude Berrouet.

Alla 25esima edizione di ProWein sono attesi circa 7000 espositori provenienti da oltre 60 paesi e circa 60.000 visitatori commerciali, provenienti da 130 nazioni: un’occasione unica per diffondere la conoscenza nel mondo dell’unico metodo classico di montagna e delle sue peculiarità organolettiche, derivanti da uve di provenienza esclusivamente trentina – principalmente Chardonnay, Pinot nero ma anche Pinot bianco e Meunier – rifermentazione in bottiglia e un prolungato contatto con i lieviti.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136