Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Prima infanzia, agevolazioni anche per l’assistenza fuori Provincia Bolzano

martedì, 19 giugno 2018

Quando:
12 luglio 2018@14:55–15:55 Europe/Rome Fuso orario
2018-07-12T14:55:00+02:00
2018-07-12T15:55:00+02:00

Ok della Giunta allea gevolazioni tariffarie per l’assistenza dei bambini con meno di 3 anni anche fuori provincia. Misura per conciliare lavoro e famiglia.

Le famiglie residenti in Provincia di Bolzano che si avvalgono di strutture per l’assistenza dei propri bambini di età inferiore ai 3 anni nelle Regioni confinanti, possono ottenere delle agevolazioni con l’applicazione delle tariffe corrispondenti a quelle applicate in Alto Adige. Ovvero, a seconda del reddito, una tariffa compresa fra 0,90 e 3,65 euro l’ora. Lo ha stabilito oggi (19 giugno) la Giunta provinciale su proposta dell’assessora alla famiglia Waltraud Deeg. “Questa prestazione aggiuntiva è particolarmente preziosa per le famiglie dei comuni al confine con il Trentino, il Tirolo e la Svizzera fa presente la Deeg – in quanto contribuisce alla conciliabilità fra famiglia e lavoro anche in situazioni straordinarie in cui è impossibile sistemare i bambini in una struttura del proprio comune di residenza”.

Le famiglie interessate, prima di avvalersi di questa possibilità, devono farne richiesta al Comune di residenza, che dovrà accollarsi gli importi dell’agevolazione tariffaria. Se i costi standard di assistenza sono maggiori rispetto a quelli applicati in provincia di Bolzano, le famiglie dovranno pagare la differenza. Alla stessa stregua anche le famiglie delle regioni confinanti potranno far assistere i propri bambini di età inferiore ai 3 anni in strutture altoatesine. Questo può avvenire se vi sono ancora posti liberi e se nessun bambino residente è in lista d’attesa. In questo caso, però, le famiglie sono tenute a versare la tariffa intera.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136