QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Palazzo di giustizia di Bolzano, firmato il passaggio alla Provincia

mercoledì, 6 dicembre 2017

Quando:
7 dicembre 2017@14:00–15:00 Europe/Rome Fuso orario
2017-12-07T14:00:00+01:00
2017-12-07T15:00:00+01:00

Dopo il via libera della Giunta, siglato a Palazzo Widmann il passaggio ufficiale del palazzo di giustizia di Bolzano alla Provincia.

Passa definitivamente (e gratuitamente) alla Provincia l’immobile statale sede degli uffici giudiziari in piazza Tribunale a Bolzano. La scorsa settimana la Giunta provinciale aveva dato l’ok alla firma del verbale di consegna del Palazzo di giustizia, che è stato sottoscritto oggi (6 dicembre) a Palazzo Widmann dal presidente Arno Kompatscher e dalla direttrice regionale dell’Agenzia del demanio, Rosalia Cannada Bartoli. L’immobile ha un valore di inventario di 37 milioni e 970mila euro e acquisendone la proprietà senza alcun esborso di denaro, la Provincia si assume gli obblighi della manutenzione straordinaria e di eventuali ristrutturazioni e ampliamenti. La manutenzione ordinaria rimane invece in capo alla Regione.

L’operazione, che prevede in un secondo passo il trasferimento alla Provincia anche degli uffici del Giudice di pace di Merano, situati in via delle Corse, nasce a fine 2016 con il via libera del Consiglio dei Ministri alla norma di attuazione sulla giustizia. Oltre al passaggio delle funzioni amministrative e organizzative alla Regione e, per delega, alle due Province autonome, la norma di attuazione prevede anche che la Provincia di Bolzano acquisisca a titolo gratuito la proprietà degli immobili statali adibiti a uffici giudiziari in Alto Adige. “Si tratta di un atto di notevole importanza – commenta il presidente Kompatscher – frutto anche dell’ottimo rapporto di collaborazione instaurato fra l’amministrazione provinciale e l’Agenzia del demanio, in maniera particolare con la direttrice regionale Cannada Bartoli”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136