QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ginkgo Stafetten

mercoledì, 12 luglio 2017

Quando:
13 agosto 2017@10:55–11:55 Europe/Rome Fuso orario
2017-08-13T10:55:00+02:00
2017-08-13T11:55:00+02:00

La sesta edizione dell’attesa Ginkgo Stafetten, in programma domenica 13 agosto in Val di Fiemme (TN), è già in corsa e le iscrizioni iniziano ad infittirsi. È una gara molto speciale proposta dal GS Castello e che si è ispirata alla collaudata corsa svedese VasaStafetten, evento estivo della grande macchina organizzativa della mitica Vasaloppet, “madre” di tutte le granfondo invernali.

L’idea della Ginkgo Stafetten è scoccata ancora nel 2010, quando un gruppo di appassionati fiemmesi dello sci di fondo e aficionados della Vasaloppet decise di partecipare alla VasaStafetten. Era guidato da Carmine Tomio e ne faceva parte anche Mario Broll, allora presidente del GS Castello, oltre a diversi sportivi tutti legati al GS Castello di Fiemme. È stata una trasferta fruttuosa, con la formazione dei dieci trentini addirittura classificata a ridosso dei primi dieci, undicesima su 221 teams. Nel 2011 la presenza del GS Castello al via dell’evento scandinavo si è fatta ancor più concreta con ben tre staffette tutte fiemmesi, con un bel settimo posto su 231 teams che, fatti i debiti conti, significa 2310 runners.

L’entusiasmo dei partecipanti fu tale che nel viaggio di ritorno da Mora, la località svedese sede della Vasaloppet, iniziò una discussione sull’idea di portare un evento simile proprio in Val di Fiemme. Detto fatto, e Mario Broll con Carmine Tomio si convinsero e pronunciarono la fatidica frase in dialetto destinata a diventare una scintilla: “alora la fasonte?” (allora la facciamo?), ovviamente una staffetta sullo stile della gara svedese ma sui sentieri di Castello di Fiemme. Fu un po’ come successe all’inimitabile Marcialonga, quando i quattro fondatori proferirono “la podesan far anca noi”.

Già sulla via del ritorno ci fu la consapevolezza che si doveva proprio fare, il nome Ginkgo Stafetten lo trovò in un battibaleno Mario Broll. Proprio quell’anno, per celebrare i 35 anni di vita del GS Castello, Broll che è un tecnico forestale concordò col Comune di piantare nella piazza del paese un albero che ha radici… preistoriche, un Ginkgo Biloba, una pianta che è definita la madre di tutti gli alberi, che presenta proprietà eccellenti, anche come ottimo integratore naturale. E così dal 2012 si corre la Ginkgo Stafetten, una staffetta per squadre composte da cinque runners che percorrono altrettante frazioni di diverse lunghezze, da 1,9 km a 12 km, e dallo scorso anno c’è anche la Ultra Ginkgo per autentici ironmen e ironwomen che affrontano in sequenza tutte e cinque le frazioni. Organizza il GS Castello del presidente Alberto Nones, che in inverno propone anche il celebre Skiri Trophy XCountry, erede dell’ex Trofeo Topolino di sci di fondo.

Quest’anno la sesta edizione della Ginkgo Stafetten è in programma domenica 13 agosto, un ‘cambio di rotta’ perché per i primi cinque anni si è sempre disputata di sabato pomeriggio. La partenza è prevista alle 9.30 a Castello di Fiemme, il pasta party alle ore 13 sarà un autentico “after race” per sportivi.

Lo scorso anno la Ginkgo Stafetten è stata vinta nuovamente da un team “mix” con Francesco Mich, Martina Rizzoli, Carlo Vaia, Veronica Bello e Michele Vaia che hanno fatto il bis col nickname “i Masadini”, ovvero gli abitanti di Masi di Cavalese. Tra i maschi ha vinto il Team Robinson Futura, tra le donne lo Snowflakes. Nel 2016 si è presentata curiosamente al via anche un’applaudita squadra composta da cinque sindaci della Val di Fiemme. È piaciuta anche la Ultra Ginkgo, con Paolo Guerra primo al traguardo.

L’appuntamento è un vero e proprio invito a tutti gli sportivi, alle famiglie “sportive”, ai teams anche di altri sport di fatica. Le squadre partecipanti possono essere maschili, femminili o miste. La competizione è decisamente alla portata di tutti, considerate le distanze delle singole frazioni. Si sono viste in gara anche intere famiglie, pure con qualche nonno.

La prima frazione della Ginkgo Stafetten è di 5.554 metri e 136 m. di dislivello, la seconda di 1900 m. e 34 m/dsl, la terza di 8.900 m. e 216 m/dsl, la quarta di 3.770 m. e 50 m/dsl ed infine la quinta, più impegnativa, di 12.060 m. e 310 m/dsl. I concorrenti potranno cogliere l’opportunità per trascorrere un bel week end d’agosto in una zona votata al turismo come la Val di Fiemme. Castello di Fiemme, all’inizio della vallata, è il paese che ha dato i natali a tanti campioni, come Franco Nones, prima medaglia d’oro olimpica italiana nello sci di fondo.

Le iscrizioni alla Ginkgo Stafetten e tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.gscastello.it


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136