Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Arco, riprendono i mercati alimentare e contadino

lunedì, 23 novembre 2020

Quando:
24 novembre 2020@13:00–14:00 Europe/Rome Fuso orario
2020-11-24T13:00:00+01:00
2020-11-24T14:00:00+01:00

Un’ordinanza del sindaco Alessandro Betta ha approvato i Piani comunali per lo svolgimento dei mercati di viale delle Palme: quello di prodotti alimentari e agricoli, il mercoledì e il venerdì, e il mercato contadino, il martedì, entrambi dalle 7.30 alle 13. Mercati che quindi riaprono (con effetto da questa settimana e fino a nuova disposizione). Ancora sospeso, invece, il mercato bisettimanale del mercoledì.

I “Piani comunali per lo svolgimento del mercato all’aperto su area pubblica”, che saranno consegnati (come richiesto dalla norma) a tutti i commercianti, sono stati introdotti dall’ordinanza provinciale n. 54 del 14 novembre, “Ulteriore ordinanza in tema di covid-19 circa l’applicazione di misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza sanitaria”.

L’area del mercato è stata perimetrata (nel caso si viale delle Palme, con delle transenne) e dotata di due varchi distinti di entrata e di uscita. Inoltre una serie di cartelloni ricorderanno le prescrizioni igienico-sanitarie stabilite dai protocolli, indicando i varchi di ingresso e di uscita e il senso unico di percorrenza del percorso di visita al mercato. Durante tutto lo svolgimento dei mercati l’area sarà presidiata da personale addetto al controllo.

 

Regole di comportamento per gli esercenti e per l’utenza

Gli esercenti e l’utenza devono osservare le prescrizioni di cui agli specifici protocolli:

1) i clienti possono accedere al mercato unicamente se dotati di mascherine idonee a coprire le vie respiratorie e dopo aver igienizzato le mani con apposita soluzione o indossando guanti monouso;

2) i materiali necessari all’igiene dei clienti devono essere resi disponibili, dai commercianti, in prossimità di ciascun banco, dove devono essere esposte anche le informazioni alla clientela relative ai comportamenti da mantenere;

3) deve essere mantenuto il distanziamento di almeno un metro metri tra i clienti, assicurando un accesso ordinato al banco;

4) davanti a ogni banco potranno sostare al massimo tre clienti;

5) il personale attivo al banco deve essere dotato di dispositivi idonei a limitare la possibilità di contagio da e verso le altre persone presenti; in particolare, dovrà operare con utilizzo di mascherine di tipo chirurgico;

6) al fine di facilitare il distanziamento sociale, è necessario che ciascun esercente valuti le opportune misure per consentire un accesso dilazionato al banco (come nastri o altri dispositivi che delimitino l’area prospiciente al banco e organizzino la fila degli avventori), ma senza ostacolare il deflusso delle persone o l’accesso dei mezzi di soccorso in caso di emergenza;

7) è opportuno incentivare l’uso dei mezzi di pagamento elettronici in sostituzione del contante e, fra questi, quelli che prevedono la modalità touchless; in alternativa, deve essere curata l’igienizzazione del terminale POS dopo ogni utilizzo, per la quale si consiglia l’utilizzo di un panno imbevuto di alcool;

8) nelle attività che trattano prodotti alimentari e bevande, è obbligatorio l’utilizzo di guanti monouso.

 

È anche obbligatorio spostarsi all’interno dell’area di mercato rispettando il flusso unidirezionale di marcia indicato dai cartelloni.

 

Si ricorda che vanno rispettate anche le disposizioni generali vigenti per la fruizione delle aree pubbliche aperte al pubblico, ovvero il divieto di formare assembramenti, l’obbligatorietà dell’utilizzo continuativo della mascherina (salve le eccezioni previste), il divieto di consumazione di alimenti e bevande (salvo che sulle sedute degli esercizi).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136