Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Arco, indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto

venerdì, 8 febbraio 2019

Quando:
11 febbraio 2019@21:40–22:40 Europe/Rome Fuso orario
2019-02-11T21:40:00+01:00
2019-02-11T22:40:00+01:00

Prosegue «La storia d’Italia in pellicola» del cineforum Lunedì Cinema, che a Palazzo dei Panni ad Arco lunedì 11 febbraio propone il film poliziesco del 1970 di Elio Petri «Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto» (Italia, durata 118 minuti), con Gian Maria Volonté, Florinda Bolkan, Orazio Orlando, Gianni Santuccio, Salvo Randone. Inizio alle ore 21. La proiezione è preceduta da un’introduzione di Ludovico Maillet.

Il “dottore”, appena promosso da capo della sezione omicidi a capo della sezione politica, uccide, sgozzandola, l’amante con cui aveva un rapporto sadomasochistico e che, come ha scoperto, lo tradiva con uno studente della contestazione attiva. Invece di cercare di occultare le prove le rende sempre più evidenti, convinto come è che il potere gli può consentire di continuare a essere al di sopra di ogni sospetto.

«Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto» è il primo film di una trilogia (proseguita con «La classe operaia va in paradiso» del 1971 e «La proprietà non è più un furto» del 1973) frutto della collaborazione con lo sceneggiatore Ugo Pirro, in cui vengono messi in scena i motivi centrali della vita politica, rendendo Elio Petri un bersaglio privilegiato nello scontro critico e politico interno alla sinistra negli anni Settanta. Vincitore del Grand Prix Speciale della Giuria al 23º Festival di Cannes e dell’Oscar al miglior film straniero nel 1971, nonché di una nomination per la migliore sceneggiatura originale agli Oscar dell’anno dopo, il film ottenne un immediato successo. Il film è stato poi selezionato tra i cento film italiani da salvare.

La rassegna
«Lunedì Cinema» è il cineforum organizzato dai Comuni di Arco e Riva del Garda per la cura del centro culturale «La Firma» in collaborazione con la Federazione Italiana Cineforum, pensato come occasione di confronto per una lettura più approfondita di un film, di un regista o di un genere cinematografico, ma soprattutto per incontrarsi, parlare di cinema e scambiare opinioni. Il calendario è stato selezionato per sorprendere e incuriosire un pubblico ampio: infatti, come tradizione, sono proposti cicli diversi, caratterizzati da temi specifici, che consentiranno di approfondire la conoscenza del cinema, delle sue espressioni e della sua storia. L’edizione 2018-2019 propone dal 29 ottobre al 25 marzo, alternativamente ad Arco (a palazzo dei Panni) e a Riva del Garda (all’auditorium del Conservatorio), 18 pellicole ispirate al tema «La storia d’Italia in pellicola».

L’ingresso avviene con tessera FIC sottoscrivibile la sera della proiezione, al costo (invariato) di 12 euro (5 euro per gli studenti fino ai 25 anni d’età), valida per l’intera stagione. Tutte le proiezioni iniziano alle 21. Ogni proiezione è preceduta da un’introduzione di Ludovico Maillet.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136