Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad
Ad

Ad


Alla scoperta della “Signora fotograf(i)a”: dalla mostra al laboratorio

giovedì, 6 giugno 2019

Quando:
24 giugno 2019@15:00–16:00 Europe/Rome Fuso orario
2019-06-24T15:00:00+02:00
2019-06-24T16:00:00+02:00

Continua, a Palazzo Roccabruna, la mostra euregionale dedicata alle donne e alla fotografia. Fra le iniziative, dal 24 al 28 giugno è in programma un workshop dal titolo “Riflessi dal mondo. Io e l’immagine di me”, promosso dall’Ufficio per il Sistema bibliotecario trentino; si tratta di un percorso di valorizzazione del libro e della cultura fotografica rivolto ai bambini tra i 7 e i 12 anni, per il quale rimangono ancora pochi posti liberi. Info e iscrizioni: roberta.opassi@provincia.tn.it, tel: 0461-496647.

Si intitola “Signora fotograf(i)a. Collezioni storiche Tirolo – Alto Adige – Trentino” l’iniziativa in cinque sedi ideata nell’ambito del progetto Interreg Italia-Austria “Argento vivo”, per la prima volta esteso anche al Trentino, con l’obiettivo di valorizzare la fotografia storica in quanto parte integrante del patrimonio culturale e specchio di cambiamenti tecnici e sociali, sul tema aperto delle donne fotografe e fotografate.
Grazie al contributo della Provincia autonoma di Trento e al coordinamento locale della Soprintendenza per i beni culturali, la mostra, che si sviluppa con diverse declinazioni a Lienz (le età della donna), Innsbruck (le fotografe), Brunico (il lavoro) e Bolzano (il ritratto in atelier), trova spazio anche a Trento, con un focus tutto suo, quello degli stili di vita e delle loro radicali trasformazioni nel periodo complesso compreso tra la seconda metà dell’Ottocento e gli anni tra le due guerre mondiali. “Signora fotograf(i)a” diventa così l’occasione per seguire gli sviluppi e la democratizzazione del medium fotografico in parallelo con l’evoluzione dei modelli e delle autorappresentazioni femminili, attraverso una vivace selezione di scatti, provenienti da tutti i territori dell’ex Tirolo storico, che alternano scalate montane in gonna lunga e stivaletti, pose sul campo da tennis, feste in maschera e pomeriggi al lago, passando anche per i topoi dell’incipiente turismo di massa e la trasgressione di una sigaretta accesa in compagnia di uomini in Val Badia.
L’allestimento della mostra, che ci porta anche al cinema con un montaggio video dei filmati a tema realizzati negli anni Trenta dei F.lli Pedrotti, a cura del Centro audiovisivi dell’Ufficio stampa PAT, richiama la struttura dell’album fotografico, versatile dispositivo di conservazione della memoria in grado di assolvere diverse funzioni, come attestano i preziosi originali in vetrina, spaziando dai ricordi di famiglia o del viaggio di nozze al campionario commerciale delle proprie specialità; si segnala, fra gli altri, quello finora inedito confezionato nel 1928 dalla celebre fotografa austriaca Trude Fleischmann in occasione della villeggiatura sul lago di Caldonazzo, in prestito dall’Archivio fotografico storico della Soprintendenza di Trento.
A Trento la mostra resterà aperta fino al 27 luglio 2019 con orario: mar-mer 10-17, gio-ven 10-20, sab 17-20 (ingresso libero).
Già in programma il workshop “Riflessi dal mondo. Io e l’immagine di me”, ideato dall’Ufficio per il Sistema bibliotecario trentino come veicolo di promozione del libro e dell’immagine fotografica per bambini e ragazzi dai 7 ai 12 anni. Il laboratorio, articolato in 5 mattinate, si svolgerà da lunedì 24 a venerdì 28 giugno 2019, con l’attenta guida della fotografa professionista Elisa Vettori. L’ultimo giorno sarà dedicato alla realizzazione e all’allestimento di una piccola mostra degli elaborati dei partecipanti, che resterà a disposizione dei visitatori in una delle sale di Palazzo Roccabruna. Visto l’alto numero delle iscrizioni già pervenute, rimangono solo pochi posti liberi, previa iscrizione via mail all’indirizzo: roberta.opassi@provincia.tn.it (tel: 0461-496647).



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136