Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Virgo Fidelis, celebrazione nella chiesa di Santa Maria in Calchera a Brescia

sabato, 21 novembre 2015

Brescia – Celebrazione della “Virgo Fidelis”. Oggi a Brescia, nella chiesa di Santa Maria in Calchera, con una cerimonia religiosa officiata da padre Tiziano Sterli, cappellano miliare del Comando Provinciale dei Carabinieri di Brescia, alla presenza delle Autorità cittadine, è stata celebrata la ricorrenza della “Virgo Fidelis” ed il “74° Anniversario della Battaglia di Culqualber”. Durante la cerimonia è intervento il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Giuseppe Spina.

Per iniziativa dell’Ordinario Militare d’Italia e del Cappellano Militare Capo dell’Arma, al termine del secondo conflitto mondiale, la Vergine Maria fu “adottata” dall’Arma dei Carabinieri quale Patrona, scelta indubbiamente ispirata aVirgo Fidelis a Brescia 1lla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dell’Arma dei Carabinieri che ha nello stemma araldico il motto: “Nei secoli fedele”, così come la vergine Maria è unanimemente riconosciuta come donna fedele in assoluto (Virgo Fidelis)

L’8 dicembre 1949 Sua Santità Pio XII, accogliendo l’istanza dell’Ordinario Militare proclamava ufficialmente Maria “Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri”, fissando la celebrazione della festa il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della battaglia di Culqualber, località dell’Africa Orientale, ove, dopo mesi di strenua resistenza ed in notevole inferiorità numerica e di mezzi, s’immolava il 1° Gruppo Carabinieri Mobilitato dopo aver combattuto con tale valore da meritare l’onore delle armi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136