Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad

Ad


Verso il 63° Rally Coppa Valtellina: presentazione, programma e percorso

mercoledì, 11 settembre 2019

Sondrio – Quando si entra nella settimana di una gara, uno degli aspetti che desta maggiori curiosità tra concorrenti, addetti ai lavori e tifosi, è la pubblicazione dell’elenco iscritti. Lo stesso vale per il Coppa Valtellina che tra pochi giorni spegnerà ben sessantatre candeline confermandosi una delle competizioni più antiche d’Italia. Ottimo il numero degli iscritti: 88 di cui 78 nel rally moderno e 10 in quello storico.

rally valtellinaI nomi - I galloni del favorito spettano di diritto a Luca Rossetti che, oltre ad essere il vincitore delle ultime tre edizioni (quattro in totale contando anche quella del 2009), è anche fresco del successo al Rally del Friuli che lo ha prepotentemente rilanciato per la conquista del tricolore; con lui siederà nella Citroen C3 R5 ufficiale il sondriese Mirko Franzi: con un altro successo il naviga locale raggiungerebbe il record man Roberto Paganoni a quota cinque. Sulle strade di casa altri concorrenti giocheranno i loro jolly pur di figurare in cima alla classifica: Marco Gianesini, con Sabrina Fay, sarà al via con una VW Polo R5 per cercare di salire a quota quattro vittorie, mentre Fabrizio Guerra con Ruggero Salinetti, Loris Ghelfi con Gianluca Marchioni (primi nel nazionale del 2018) e Gianluca Varisto con Ramon Baruffi utilizzeranno una Skoda con l’intento di andare a podio. Da non sottovalutare anche il locale Edoardo Spagnolatti in gara con una Peugeot 208, sempre di matrice R5, e Marco Silva, con una Skoda, che siglò la corsa nel 2001. Chiudono il numeroso lotto di R5 il sempre presente Dino Lauro e il bergamasco Danilo Scanzi.

Luca Sassi e Nicholas Cianfanelli si contenderanno la S1600 mentre Giacomo Gini, Luca Fiorenti, Michael Della Maddalena e Roberto Bonizzardi la R3. La classe più numerosa è, come tradizione, la N2/Prod S2 che conta ben sedici pretendenti tra cui figurano Simone Patt, Francesco Vaira, Giordano Formolli e Leonardo Ortelli. Michele Barri, “Gigi” Pittano, Omar Rainoldi ed il bresciano Roberto Carminati sono tra i papabili mattatori della R2 che in totale conta dodici partecipanti. Nove sono invece, quelli che aspirano alla classe N3: Igor Rainoldi, Max Nussio, Simone Galli, Moreno Cambiaghi e Fabio Maffolini animeranno una sfida sicuramente incandescente. Si registra un solo equipaggio femminile iscritto, quello composto da Paola Scieghi e Viviana Previato Sarà al via anche un’altra valente pilotessa: Sara Micheletti, iscritta in R2 e sarà affiancata dal veterano Romano Belfiore. Al via della corsa lombarda ci sarà anche Marco

Ambrosio, ex calciatore professionista che in carriera ha difeso i pali, tra le altre, di Chelsea, Grasshoppers, Chievo e Sampdoria.

Storiche - Tra le vetture d’antan ci saranno automobili che hanno scritto tra le più belle pagine del rallysmo. Il loro rombo potrà destare nuovamente l’entusiasmo dei tifosi che- novità – gusteranno il loro passaggio prima del transito delle vetture moderne. Le Porsche 911 di Ermanno Sordi e Maurizio Fratti si contrapporranno alla Ford Sierra due volumi di Paolo Corbellini, alla Renault 5 GT Turbo di Oscar Gadaldi, alla Fiat Uno Turbo di Romano Pasquali, o ancora alla A112 Abarth di Andrea “Tigo” Salviotti.

Percorso e logistica- La corsa, valevole per la Coppa Rally 2019,  si presenta su due giornate di gara: la mattina di sabato 14 settembre, i concorrenti potranno effettuare lo shake down su un tratto di Albosaggia mentre nel pomeriggio verranno percorse le prime quattro speciali: “Mello” e la stessa “Albosaggia” che verranno ripetute per due volte. Domenica 15 invece, sarà la volta di “Mossini-Berbenno” e “Monastero” ripetute sempre due volte. Partenza (ore 15 si sabato) ed arrivo (ore 16.58 di domenica) si terranno presso il piazzale Bertacchi (antistante la Stazione ferroviaria) mentre Policampus sarà il centro funzionale del rally con Sala Stampa, Direzione Gara e Centro Classifiche.

Trofeo Costiera dei Cech– Anche quest’anno continua il connubio tra il rally e la promozione del territorio. La Promo Sport Racing assegnerà all’equipaggio di 2Ruote motrici che avrà ottenuto il miglior tempo nella somma dei due passaggi sulla “Mello”, un week end di degustazioni e relax in occasione della celebre festa mellata.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136