QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Vela, Gc32 Riva Cup: il bilancio finale. Un successo per Fraglia Vela Riva e per tutto l’Alto Garda

giovedì, 2 giugno 2016

Riva del Garda – A qualche giorno dalla conclusione della GC32 Riva Cup ecco un primo bilancio dell’evento, che tra tutte le regate organizzate alla Fraglia Vela Riva e forse su tutto l’Alto Garda insieme al Meeting del Garda Optimist, è l’unica che ha saputo richiamare l’attenzione e la presenza di persone non necessariamente appassionate di vela, arrivate sul lago per gustarsi lo spettacolo. Vedere questi catamarani volanti dai sentieri o dalle strade che fungono da tribuna naturale con vista sul campo di regata, ha affascinato anche chi non si è mai fermato ad osservare una barca, un windsurf. La velocità, che ha toccato quasi i 40 nodi, il volo nelle andature di traverso e lasco, non hanno eguali nei confronti di altre imbarcazioni.Gc32 Riva Cup 2016

E dalle immagini montate nell’ultimo video riassuntivo si può notare che non è una “corsa ai cavalli” su chi va più veloce, ma una vera e propria regata, con tattiche, precedenze, incroci come tutte le altre regate, ma a velocità pazzesche. Anche alla Fraglia Vela Riva alla vigilia c’era molta attesa, essendo la prima volta al mondo che ben 9 scafi foil di queste dimensioni (32 piedi) e così performanti regatavano tutti insieme in un luogo ventoso, abbastanza limitato nello spazio e invaso da windsurf, barche di ogni genere o kite nella zona più a sud. Il coordinamento tra club, classe Gc32, Comitato di Regata e Giuria, Polizia e Croce Rossa, oltre alla capacità dei timonieri di livello a dir poco stellare (5 medaglie olimpiche e una decina i velisti in Coppa America) ha permesso che lo spettacolo fosse tale, con il campo di regata libero da ogni mezzo, e quindi in sicurezza.

Tutto lo staff in Fraglia, che ha lavorato nei mesi precedenti per assicurare la massima organizzazione sia logistica a terra, che in acqua, è stato decisamente ripagato dalla soddisfazione degli skipper, che a Riva del Garda hanno trascorso sicuramente giornate indimenticabili, con sole, vento anche forte e la velocità massima degli scafi, che è continuata ad aumentare, fino a raggiungere il record di 39,7 nodi (praticamente 80 Km/h), mai raggiunti con un GC32. Sui social media sono girate immagini, video fantastici e il fatto che tanta gente abbia seguito le regate da terra è la conferma che questa vela futuristica ma sempre più attuale, è apprezzata da tanti, che riconoscono in questa vela moderna fascino con una buona dose di adrenalina.

La presenza di Pierre Casiraghi alla GC32 Riva Cup ha poi aumentato l’interesse di chi cerca anche situazioni con un pizzico di mondanità, che nel mondo della vela bene convivono. Vedendo Casiraghi al timone, tutti sono rimasti sorpresi della sua abilità nel condurre il suo Malizia Yacht Club de Monaco, tanto che il primo e terzo parziali hanno dimostrato la stoffa di un bravo velista, anche se VIP! La novità dell’evento è stata anche la festa aperta alla cittadinanza, organizzata alla vigilia dell’inizio delle regate nel piazzale della Fraglia: un modo per coinvolgere la città a vivere le regate in modo più attivo, che ha avuto un discreto successo e che non potrà che svilupparsi in eventuali successive edizioni.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136